cella_fotovoltaica

È già stata salutata come una vera e propria svolta, parliamo di una cella fotovoltaica molto resistente, in grado di fornire energia elettrica, anche dopo essere stata inzuppata di acqua e strizzata, come un normale panno in lavatrice.

L’idea viene da un team di ricercatori della Rike e dell’Università di Tokyo che hanno appunto creato una cella solare ultrasottile e rivestita in entrambi i lati con una pellicola impermeabile che gli permette di essere allungata, compressa e lavata.

Il risultato non cambia: funziona sempre e comunque. La cella fotovoltaica si può integrare nella stoffa e l’obiettivo è quello di dare una svolta al fotovoltaico, così come lo si è inteso finora.

Lo studio è stato pubblicato in questi giorni su Nature Energy. Come si legge nel comunicato stampa ufficiale Takao Someya e il suo team di ricercatori hanno raggiunto l’obiettivo sperato.

cella fotovoltaica1

La cella è capace di fornire energia elettrica anche dopo essere stata a contatto con l’acqua grazie a un materiale innovativo, il PNTz4T, un polimero cristallino semiconduttore già sperimento dal team in precedenti lavori sul fotovoltaico organico.

Si legge:

“Come substrato è stato utilizzato un film sottile di appena un 1 micrometro di spessore di parylene, polimero oggi impiegato comunemente per rivestire i dispositivi biomedici e i circuiti elettrici. Il parylene è flessibile e al tempo stesso garantisce un elevato livello di protezione dagli agenti esterni, ma per garantire l’impermeabilità, su ogni lato della cella solare è stato aggiunto un elastomero trasparente a base acrilica. Così mentre acqua e aria rimangono fuori, la luce viene prodotta ugualmente”.

"Siamo molto felici che il nostro dispositivo rispetti l’ambiente e garantisca efficienza e robustezza meccanica. Ci auguriamo vivamente che questi fotovoltaici organici lavabili, leggeri e stretchabili apriranno nuove strade per essere utilizzati come un sistema di alimentazione a lungo termine per sensori portatili e altri dispositivi”, dice Kenjiro Fukuda del Centro Riken.

Del fotovoltaico vi avevamo parlato qui:

Per quel che riguarda la resa, i risultati sono contenuti: 7,9 per cento di efficienza di base e la produzione di una corrente di 7,86 milliwatt per centimetro quadrato. I piccoli numeri però non scoraggiano gli scienziati, soprattutto perché le applicazioni finali a cui è destinata l’invenzione, come mini monitor dei parametri fisiologici incorporati negli abiti, non richiederebbero grandi quantità di energia.

Dominella Trunfio

Foto

casa verde

Reale Mutua

La casa verde: pannelli solari e pozzi geotermici

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram