celle solari tofu

Pannelli fotovoltaici fatti di tofu o meglio con il sale di tofu che potrebbe sostituire il cloruro di cadmio, una delle sostanze più tossiche e costose usate nella produzioni delle celle fotovoltaiche.

A dimostrarlo è stato uno studio condotto dall'Università di Liverpool e pubblicato sulla rivista Nature. Il cloruro di cadmio è attualmente un ingrediente chiave nella tecnologia delle celle ed è utilizzato in milioni di pannelli fotovoltaici in tutto il mondo. Questo composto solubile è altamente tossico e costoso da produrre, richiede misure di sicurezza elaborate per proteggere i lavoratori durante la produzione e anche lo smaltimento va fatto con estrema cura, una volta che i pannelli non sono più utilizzabili.

Perché allora non valutare alternative più sostenibili ed economiche? A provarci è stato un ricercatore dell'Università di Liverpool che ha scoperto che il cloruro di cadmio può essere sostituito col cloruro di magnesio. Quest'ultimo viene estratto dall'acqua di mare ed è già utilizzato in prodotti come il tofu e i sali da bagno.

Con costi notevolmente ridotti (0,001 dollari al grammo rispetto ai 0,3 del cadmio) è stato esaminato anche sotto il profilo della tossicità e, confrontato col cadmio è stato definito molto più sicuro.

Le celle più economiche oggi in vendita sono basate su un film sottile di tellururo di cadmio insolubile. Da sole, esse convertono meno del 2 per cento della luce solare in energia. Applicando cloruro di cadmio, questa efficienza aumenta ad oltre il 15 per cento.

JohnMajor

La ricerca condotta a Liverpool, tuttavia, ha dimostrato che il cloruro di magnesio può ottenere lo stesso risultato in termini di efficienza. Spiega il dottor Jon Major, a capo della ricerca: “Se l'energia rinnovabile vuole competere con i combustibili fossili, il costo deve scendere. Grandi passi avanti sono già stati fatti, ma i risultati di questo studio hanno il potenziale per ridurli ulteriormente”.

Spiega Major che il cloruro di cadmio è tossico e costoso e non vi è alcuna necessità di usarlo: “Sostituendolo con una sostanza naturale si potrebbe far risparmiare all'industria una grande quantità di denaro e ridurre il costo complessivo di produzione elettrica dal fotovoltaico.”

Francesca Mancuso

LEGGI anche:

Fotovoltaico organico: in Sicilia celle solari dagli scarti delle arance

Fotovoltaico: le celle solari che riducono i costi del 75%

Fotovoltaico: dal MIT le celle solari ricavati dall'erba tagliata

Fotovoltaico organico: celle solari dagli spinaci

maschera lavera 320

Lavera

Come preparare la pelle del viso all’estate in 5 mosse

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
21 giugno 300 x 90
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram