arance fotovoltaico

Dalle arance si produrrà energia elettrica. Finora lo avevano fatto gli spinaci, i semi di ricino e i mirtilli. Ma anche in Sicilia il fotovoltaico organico prende campo, grazie al progetto Sagro, che ha l'obiettivo di realizzare celle solari rese fotosensibili grazie ad alcuni pigmenti naturali ottenuti dal frutto simbolo dell'isola.

Sagro nasce due anni fa dalla Collaborazione del Dipartimento di Ortofloroarboricoltura e Tecnologie agroalimentari della Facoltà di Agraria di Catania e del Dipartimento energia e trasporti di Messina del Consiglio nazionale delle ricerche.

Grazie anche alla collaborazione con alcune aziende siciliane, il progetto si è basato sulla creazione di celle solari dotate di coloranti naturali, ricavati dai pigmenti di scarto dei prodotti vegetali e dagli agrumi, con l'ossido di titanio come catalizzatore per le particelle inquinanti.

Con una spremuta d'arancia si possono fotosensibilizzare 70 mq di pannelli solari”, ha spiegato Gaetano Di Marco, ricercatore presso il CNR di Messina.

Le celle solari realizzate con questa tecnologia saranno utilizzate nella realizzazione di sistemi fotovoltaici. Ma non solo. Anche grazie allo spessore ridotto e e alla semitrasparenza, esse potranno essere applicate anche sulle pareti verticali degli edifici o ancora negli infissi e nelle porte.

In prospettiva futura, le celle solari siciliane potranno essere applicate anche ai dispositivi elettronici portatili.

Francesca Mancuso

LEGGI anche:

- Fotovoltaico organico: a Settimo Torinese i pannelli solari si fanno coi mirtilli

- Fotovoltaico organico: in vendita i pannelli solari dai semi di ricino

- Fotovoltaico organico: celle solari dagli spinaci

I CORSI CHE TI FANNO STARE BENE!

Più di 100 video-corsi su Alimentazione sana, Salute e Benessere naturale, Psicologia, Rimedi naturali e Animali a partire da 5€. Test, attestati e podcast inclusi

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su instagram
seguici su facebook
fai la cosa giusta

Dai blog