italia rinnovabile festa

Tutti in piazza a festeggiare per promuovere le energie rinnovabili. Sabato 26 ottobre, ai Fori Imperiali, dalle 10 Greenpeace, Legambiente, Wwf, Kyoto Club, Anter, Giga, ATER, Msa e altre associazioni hanno indetto una grande manifestazione a favore delle energie pulite: L’Italia rinnovabile in festa. Una giornata di incontri per ribadire ancora una volta che il futuro dell'Italia non può fare a meno delle rinnovabili.

Alcuni numeri su tutti. L'uso delle energie pulite, secondo le associazioni, consentirebbe una riduzione delle bollette dal 30 al 50%, ma soprattutto aria più pulita, meno gas serra dannosi per l'ambiente e più soldi da investire in innovazione e ricerca.

Non si tratta di chiacchiere, lo dimostrano i fatti. È accaduto a Prato allo Stelvio (Bolzano) dove è stato realizzato un sistema combinato di autoproduzione e di distribuzione di energia da fonti rinnovabili. Qui una cooperativa di cittadini (che coinvolge anche il comune e altre realtà locali) gestiscee la produzione e la vendita ai soci dell’energia realizzata grazie a un mix di fonti rinnovabili, con un risparmio per le famiglie pari al 30% per l’elettricità e al 50% per il riscaldamento.

Anche se di passi avanti, negli ultimi anni, ce ne sono stati, la situazione può decisamente migliorare. Gli oltre 600mila impianti distribuiti hanno permesso di arrivare a una produzione che supera il 35% dei consumi elettrici da energie pulite nel 2013. Tuttavia, secondo le associazioni, gli sforzi provenienti dal basso spesso sono ostacolati da chi invece vuole favorire carbone e petrolio. “Gli ultimi Governi, con le scelte dei Ministri Passera e Zanonato, hanno reso praticamente impossibili gli interventi necessari per l’autoproduzione: ossia poter scambiare energia con la rete elettrica (tanto produco con il mio impianto sul tetto, tanto prendo dalla rete, ossia il sistema di scambio sul posto), chiudendo le porte a qualsiasi richiesta nella direzione della riduzione dei consumi energetici attraverso autoproduzione, efficienza e sistemi di accumulo con batterie” spiega Legambiente.

Per questo, siamo tutti chiamati a scendere in piazza per festeggiare le rinnovabili e chiedere con forza il loro ingresso massiccio nel nostro Paese. Dalle 10.00 i Fori Imperiali ospiteranno stand di associazioni e aziende italiane delle rinnovabili, prodotti biologici e sostenibili, laboratori di ogni tipo per bambini e ragazzi, ciclofficine, piste per go-kart a pedali e tanto altro ancora.

Scendiamo in piazza perché siamo a un passaggio decisivo, e dobbiamo reagire con forza a un attacco portato alle fonti rinnovabili da parte di chi vorrebbe fermarle per tenere in vita inquinanti centrali a carbone e a olio combustibile che, ennesima ingiustizia, beneficiano persino di miliardi di Euro presi in bolletta o dalla fiscalità generale” recita il manifesto sottoscritto della associazioni.

Perché il futuro energetico italiano dovrà essere incentrato sulle rinnovabili.

Francesca Mancuso

LEGGI anche:

- Comuni Rinnovabili 2013: energie pulite nel 98% dei centri italiani

- Le energie rinnovabili muovono l'Italia

banner guida pulizie

Scrittori di classe

Come iscrivere la tua scuola a "salvare il Pianeta”, il concorso di Conad e WWF

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
settimana riduzione rifiuti 2018
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram