E-Cat: la fusione fredda di Andrea Rossi funziona

andrea rossi

L'E-Cat, dispositivo prodotto dall'ingegnere italiano Andrea Rossi, funziona davvero. Questa volta a dimostrarlo è il rapporto del professor Giuseppe Levi dell'Università di Bologna, scritto con Evelyn Foschi, Torbjörn Hartman, Bo Höistad, Lars Tegnér, Hanno Essén, Roland Pettersson, pubblicato su arXiv e annunciato da Prometeon s.r.l..

Sarebbe stata dimostrata, infatti, una volta per tutte, l'emissione di calore anomalo da parte del "marchingegno" che ha sollevato tanto entusiasmo ma anche molte, moltissime polemiche e critiche. Forbes si sbilancia: "Forse il mondo cambierà davvero", scrive addirittura la rivista economica in riferimento agli ultimi risultati dei test condotti dalle terzi parti indipendenti che erano stati a lungo rimandati, tanto da far dubitare dell'affidabilità di Rossi.

Ma gli esperimenti, condotti da esperti internazionali in diversi campi della scienza, dalla fisica nucleare, alla chimica, all'ingegneria elettrotecnica, che avevano il divieto di aprire il dispositivo, hanno verificato solo come l'energia emessa non provenga da fonti e/o da processi già noti. E non è poco. I problemi comunque non mancano. Non ci sono dati, ad esempio, sul combustibile utilizzato durante i test, cu cui Rossi mantiene il massimo riserbo.

Secondo le indiscrezioni si tratterebbe, tuttavia, di un composto di nichel, idrogeno e un catalizzatore segreto. In conclusione, per usare le parole di Forbes, "o si tratta di una delle truffe più elaborate della storia della Scienza, oppure stavolta il mondo potrebbe cambiare davvero. La velocità di questo cambiamento dipende esclusivamente da Rossi".

Roberta Ragni

germinal bio

Germinal Bio

Germinal Bio contribuisce a rigenerare i boschi veneti colpiti dalla tromba d'aria

hcs320

Eivavie

Come depurare l'acqua del rubinetto con i filtri in ceramica

corsi pagamento
seguici su facebook