@Copernicus

Settembre 2021 è stato uno dei quattro mesi di settembre più caldi mai registrati a livello globale

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Settembre appena trascorso è uno dei quattro mesi di settembre più caldi mai registrati a livello globale, mentre il ghiaccio marino artico ha raggiunto la 12esima più bassa estensione minima mensile

Settembre 2021 è stato uno dei quattro mesi di settembre più caldi a livello globale, così come quelli del 2020, 2019 e 2016. In più, è risultato essere il secondo più caldo rispetto ai mesi di settembre di queste annate, preceduto solo da settembre 2020. È quanto emerge dall’ultimo monitoraggio di Copernicus, il programma di punta di osservazione della terra.

Dai dati viene fuori che settembre 2021 è stato un mese con anomalie di temperatura contrastanti sull’Europa occidentale e orientale: l’Europa ha infatti avuto ondate di calore quasi record in alcuni punti, ma è stata più fresca della media a est e vicina alla media complessiva. Globalmente, le regioni in cui le temperature sono state molto al di sopra della media includono il Sud America centrale, l’Africa nord-occidentale e la Cina meridionale e orientale.

Leggi anche: Crisi climatica: Copernicus, la primavera 2021 è stata la più fredda in Europa dal 2013

Altrove, temperature inferiori alla media si sono verificate in una regione che si estende verso est dall’Europa orientale al lago Baikal. Le alte temperature di agosto sulla Groenlandia sono state seguite a settembre da temperature molto al di sotto della media su tutto tranne che nell’estremo nord-est del Paese. È stato anche notevolmente più fresco della media nella Russia più orientale.

Secondo il bollettino Copernicus, settembre è stato più caldo della media sulla maggior parte delle altre aree terrestri, soprattutto nelle regioni centrali degli Stati Uniti e del Canada, nell’Africa nordoccidentale, un arco dall’Iran attraverso i paesi dell’Asia centrale fino alla Cina meridionale, parti della Siberia, il Sud America centrale colpito dalla siccità e gran parte dell’Antartico.

Le temperature dell’aria hanno continuato a essere inferiori alla media su gran parte dell’Oceano Pacifico orientale tropicale e subtropicale. Erano prevalentemente al di sopra della media nelle parti centrali e orientali del Pacifico settentrionale alle medie latitudini, ma al di sotto della media a est del Giappone.

copernicus settembre

@Copernicus

Nello specifico:

  • settembre 2021 è stato uno dei quattro mesi di settembre più caldi a livello globale, così come quelli del 2020, 2019 e 2016
  • settembre 2021 è risultato essere il secondo più caldo rispetto ai mesi di settembre di queste annate, preceduto solo da settembre 2020. A tale valutazione, tuttavia, è associato un valore limitato, in quanto le temperature medie globali dei quattro anni più caldi differiscono tra loro per meno di 0.08°C
  • l’Europa ha registrato caldi quasi da record in alcuni luoghi, sebbene sia stata più fredda della media ad est, e vicino alla media complessivamente
  • le regioni in cui le temperature sono state di molto superiori alla media includono Sud America centrale, Africa nord-occidentale e Cina meridionale e orientale

E quanto al ghiaccio marino?

A settembre, l’estensione media mensile del ghiaccio marino ha raggiunto il suo minimo annuale per il 2021 nell’Artico e il suo massimo annuale nell’Antartico. L’estensione del ghiaccio marino artico era dell’8% inferiore alla media, al dodicesimo posto tra i valori più bassi registrati durante 43 anni di analisi dati satellitari e al quarto posto tra i valori più alti dal 2007, nettamente superiore alle estensioni molto basse registrate nel 2012, 2019 e 2020.

Leggi anche: In 120 mila anni non abbiamo mai avuto così poco ghiaccio artico. Lo studio

Inoltre, a livello regionale, l’estensione del ghiaccio marino ha raggiunto un minimo da record nel Mare di Groenlandia, sebbene abbia raggiunto le estensioni più elevate degli ultimi 15 anni nel settore del Mare Beaufort-Chukchi. L’estensione del ghiaccio marino antartico è leggermente inferiore alla media, dopo aver registrato valori superiori alla media per sei mesi consecutivi.

Seguici su Telegram | Instagram Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: Copernicus

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook