@ BorkoManigoda/Pixabay

Se non smettiamo di consumare carne subito, andremo incontro ad una catastrofe climatica. Il report shock

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un nuovo report diffuso in occasione della Cop26 dimostra che qualsiasi manovra volta a ridurre le emissioni di gas serra nell’atmosfera non avrà efficacia se non sarà abbinata a un drastico cambiamento nell’alimentazione

A margine dei lavori della Cop26, l’associazione internazionale Compassion in World Farming ha rilasciato un nuovo rapporto relativo all’impatto dell’alimentazione umana sull’ambiente e sulla crisi climatica: se vogliamo evitare una catastrofe climatica nel prossimo futuro, dobbiamo ridurre drasticamente il consumo di carne e latticini.

Nella Conferenza delle Parti di Glasgow si stanno affrontando gli importanti temi dell’energia, della rinuncia alle fonti fossili, della deforestazione e della neutralità carbonica. I grandi della terra, tuttavia, sembrano ignorare il peso degli allevamenti intensivi nel riscaldamento globale, facendo orecchie da mercante per non dover rinunciare agli ingenti proventi derivanti dall’industria della carne e dei prodotti caseari. Secondo il report di CIWF, il settore dell’allevamento è responsabile – da solo – del 14,5% delle emissioni di gas serra a livello globale (l’intero sistema alimentare produce un terzo delle emissioni globali). Se il mondo vuole raggiungere i nobili obiettivi siglati negli Accordi di Parigi e mantenere l’aumento delle temperature entro 1,5°C, è necessario ridurre le emissioni di gas serra, ma ciò non è possibile se il consumo di carne continuerà al ritmo odierno (se non ad un ritmo ancora maggiore).

(Leggi anche: Cop26, cosa prevede davvero l’accordo sul taglio delle emissioni di metano (che ignora gli allevamenti intensivi))

Il ruolo centrale che il cibo e l’agricoltura giocano nella crisi climatica è stato praticamente trascurato dai leader mondiali – spiega Peter Stevenson, autore del report. – Oggi, rompiamo il tabù e, attraverso questo nuovo report, affermiamo quello che deve essere detto, e cioè che l’allevamento è uno dei principali motori della crisi climatica. Senza un’urgente e drammatica riduzione globale del consumo di carne e latticini non saremo in grado di raggiungere gli obiettivi dell’Accordo di Parigi necessari per evitare una catastrofe climatica. Siamo davvero disposti a rischiare di distruggere il pianeta solo perché non possiamo frenare il nostro eccessivo consumo di prodotti di origine animale? I leader mondiali devono cogliere l’opportunità della Giornata della Natura di domani (6 novembre) per impegnarsi a intraprendere azioni urgenti e definitive per invertire questa pericolosa tendenza, prima che sia troppo tardi. Il mondo sta guardando e aspettando.

In questa tabella sono riassunte le emissioni di gas serra degli alimenti più comuni: come si può osservare, le carni di manzo, maiale e pollame sono gli alimenti che maggiormente contribuiscono all’inquinamento (@ Compassion in World Farmig)

Secondo il report, non basta adottare misure relative alla produzione di carne (come per esempio una migliore gestione del letame e le innovazioni tecnologiche di riduzione delle emissioni) per ridurre l’impatto del settore sulla crisi climatica: numerosi studi dimostrano che cambiando il nostro modo di alimentarci possiamo contribuire fino a un quinto della mitigazione necessaria per raggiungere l’obiettivo dell’Accordo di Parigi al di sotto dei 2°C. Oltre alle emissioni di gas serra derivanti dagli animali, il settore dell’allevamento ha impatti negativi sul suolo e sull’ecosistema – con la perdita della biodiversità, la deforestazione, lo spreco di risorse idriche. Non è da dimenticare, infine, che l’utilizzo di sostanze chimiche e antibiotici per l’allevamento degli animali provoca nell’essere umano antibiotico-resistenza e aumenta il rischio di pandemie globali come quella che stiamo vivendo.

Insomma, è sconsiderato e irresponsabile per i governi continuare a ignorare l’impatto del settore dell’allevamento sul cambiamento climatico e la capacità dei cambiamenti nella dieta di giocare un ruolo significativo nel raggiungimento degli obiettivi dell’Accordo di Parigi. Qualsiasi soluzione venga presa durante i lavori della Cop26 per ridurre le emissioni inquinanti non avrà efficacia se non sarà abbinata ad una “rivoluzione” dell’alimentazione a cui tutti possiamo contribuire, se smettiamo di mangiare carne oggi stesso per il bene dell’ambiente!

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: CIWF 

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook