Verde urbano: più felici se si vive vicino a un parco

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Siamo più felici se nelle citta’ ci sono molte aree verdi

Se è vero che lo smog rende tristi, la presenza di spazi verdi nelle città rende gli abitanti più felici. Respirare aria pulita e camminare in un parco rende meno pesante la vita nei grossi centri, opinione universalmente condivisa. E adesso anche scientificamente provata da uno studio della University of Exeter Medical School.

Esaminando i dati di un sondaggio nazionale che ha seguito alcune famiglie del Regno Unito, il dottor Mathew White e i colleghi dell’European Centre for Environment&Human Health hanno scoperto che una maggiore presenza di verde nei centri urbani garantisce negli individui un minor disagio mentale e una maggiore soddisfazione della propria vita.

La ricerca, pubblicata sulla rivista Psychological Science, infatti ha scoperto che le persone che vivono in aree urbane con più spazi verdi tendono a riferire un benessere maggiore rispetto agli abitanti delle città che non dispongono di parchi, giardini, o altra aree verdi nelle vicinanze. Nello studio, i ricercatori hanno tenuto conto anche di altri fattori, come il reddito dei partecipanti, l’occupazione, lo stato civile, la salute fisica e il tipo di abitazione.

Il dott. White e i colleghi sono rimasti sorpresi dalla scala degli effetti delle aree verdi. Secondo gli scienziati, vivere in una città ricca di parchi può avere un impatto significativamente positivo sul benessere, pari a circa un terzo dell’impatto positivo legato al matrimonio o ancora pari al 10% di trovare una occupazione. “Abbiamo scoperto che vivere in una zona urbana con livelli relativamente alti di spazio verde può avere un impatto significativamente positivo sul benessere, pari a circa un terzo di essere sposati” ha detto White. “Questi paragoni sono importanti per i politici, quando devono decidere come investire le scarse risorse pubbliche, ad esempio per lo sviluppo del parco o la sua manutenzione”.

I risultati di studi precedenti avevano già suggerito la presenza di una correlazione tra spazi verdi e benessere, ma non avevano escluso la possibilità che le persone con livelli più elevati di benessere semplicemente si spostavano in zone più verdi. Il nuovo studio invece ha utilizzato i dati longitudinali raccolti dall’osservazione ripetuta di 10mila partecipanti nel corso del tempo da un sondaggio nazionale, tra il 1991 e il 2008.

La nuova ricerca non prova che trasferirsi in una zona più verde provoca necessariamente un aumento della felicità, ma dimostra che anche brevi periodi di tempo in uno spazio verde possono migliorare l’umore. E se l’effetto su una singola persona potrebbe essere piccolo, quello su un’intera società potrebbe essere notevole.

Tale ricerca, secondo i ricercatori, potrebbe essere importante per psicologi, funzionari della sanità pubblica e urbanisti che sono interessati a conoscere gli effetti che l’urbanizzazione e pianificazione urbanistica, hanno sulla salute e sul benessere della popolazione.

Francesca Mancuso

Leggi anche:

Meno inquinamento più felicità: lo smog rende tristi

Verde urbano, Istat: in Italia solo 30mq per abitante

15 suggerimenti per ritrovare benessere e buonumore da subito

10 rimedi naturali contro la depressione

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook