Tombini ‘intelligenti’ contro gli allagamenti a Roma

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Come risolvere il problema degli allagamenti nella Capitale? Ci pensano i ‘tombini intelligenti’ del progetto “smart manhole”, una nuova sperimentazione su un sistema di monitoraggio elettronico nelle strade di Roma.

COME FUNZIONANO? – Una rete di sensori e apparati elettronici mette in connessione i tombini con una sala operativa centrale, consentendo di controllare il livello dell’acqua all’interno della caditoia, monitorare la superficie esterna e rilevare eventuali furti o manomissioni.

In caso di rischio allagamento o di attività anomale, i sensori trasmettono l’allarme ad una centralina installata nelle vicinanze, e da lì alla sala operativa che invia la squadra per l’intervento. Le nuove griglie, di materiale composito certificato UNI EN 124, pesano il 70% in meno rispetto alle classiche in ghisa, garantendo minori costi di trasporto, disincentivando i furti e facilitando le operazioni di pulizia.

tombini int

LA SPERIMENTAZIONE – La sperimentazione, predisposta dall’assessorato capitolino allo Sviluppo delle Periferie, Infrastrutture e Manutenzione Urbana insieme al Consiglio Nazionale delle Ricerche e ACI Consult, società del gruppo ACI – Automobile Club d’Italia, per prevenire il problema delle foglie e dei detriti che ostruiscono le caditoie attraverso una manutenzione programmata e controlli più semplici, prenderà avvio entro maggio.

“Grazie a questa sperimentazione vedremo presto molti ‘tombini intelligenti’ sulle strade di Roma”, afferma Paolo Masini, assessore allo Sviluppo delle Periferie, Infrastrutture e Manutenzione Urbana. “Un progetto unico al mondo, realizzato da eccellenze italiane, che contribuirà a contrastare il fenomeno degli allagamenti, a rendere più semplici le manutenzioni e a prevenire furti e manomissioni”.

Basterà a risolvere davvero i problemi di allagamento della Capitale, con cui i cittadini sono costretti a fare i conti ogni volta che piove un po’ di più?

Roberta Ragni

Leggi anche:

A Roma acqua e ricariche per il cellulare gratis per tutti grazie ai nasoni hi-tech

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook