Terremoto L’Aquila 2009-2019, 10 anni da non dimenticare

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Terremoto de L’Aquila anno 10. Aggiungiamo la seconda cifra a quella furia che 10 anni fa uccise 309 persone, un po’ come si fa coi bimbi, quando diventano grandi e raggiungere i 10 è la porta verso l’adolescenza. Ma noi, dopo 10 anni, abbiamo raggiunto davvero una consapevolezza? Come stanno messi al 2019 questi territori?

A colpire L’Aquila e molti altri piccoli paesi abruzzesi alle 3,32 del 6 aprile del 2009 fu un terremoto di 6,2 gradi di magnitudo (Mw), pari a 5,8 gradi della scala Richter. È la prima volta che un sisma devasta in pieno un capoluogo di regione e un intero centro storico, ma non risparmia nemmeno le aree vicine: alcuni paesi come Onna vengono praticamente rasi al suolo.

Nei giorni successivi si conteranno più di 300 vittime e circa 1600 feriti, mentre gli sfollati saranno circa 80mila.

Terremoti sempre ce ne sono stati e, ahinoi, sempre ce ne saranno. In Italia, dall’anno mille fino a oggi si sono verificati 98 terremoti di grado superiore al nono grado della scala Mercalli ogni 8 anni.

Solo nel ‘900, dal terremoto di Messina-Reggio Calabria del 1908, che con 95mila morti fu la più grave catastrofe naturale in Europa a memoria d’uomo, passando per Avezzano, il Belice e il Friuli, l’Irpinia del 1980 e infine L’Aquila del 2009 e il Centro Italia del 2016, tutti sono connotati da terribili momenti e macerie infinite.

Gli unici strumenti di cui disponiamo sono la prevenzione (consideriamo che il più delle volte si tratta di territori già colpiti da scie sismiche e che L’Aquila, per dirne una, aveva già avuto 5 terremoti importanti), la messa a punto di metodi di costruzione antisismici e l’addestramento all’emergenza: con questi mezzi potremmo limitare i danni e, soprattutto, evitare numeri incredibili di vittime. Ma davvero ne siamo coscienti?

L’Aquila 2009/2019

Quel sisma terribile, il terremoto vero e proprio, fu in realtà preceduto da 6 mesi di scosse di bassa intensità. Campanelli d’allarme? Certo, ma la “botta forte” – come la chiameranno gli aquiliani – è poi arrivata, in piena notte, e s’è portata via tutto.

Inverosimilmente, anche l’ospedale costruito 9 anni prima crolla (i pazienti vennero evacuati) e si scoprirà poi che mancava il certificato di agibilità e che il cemento era scadente. E diventa un simbolo il crollo della casa dello studente, che causa la morte di 8 ragazzi.

laquila 2laquila 3laquila 4I soccorsi arrivano subito e un’ora dopo già si riunisce l’Unità di crisi della Protezione civile e poi il Comitato operativo. Soccorsi così immediati che, a distanza di anni, sembrano quasi una beffa. Seguiranno, infatti, giorni di panico e di disperazione, polemiche sulle responsabilità dei commissari, degli esperti, ambiguità dei mezzi di comunicazione e poi denunce, inchieste, processi fino alla Cassazione. Tutto si spegnerà con molte assoluzioni e una sola condanna.
 
Gli sfollati vengono ospitati in alcuni alberghi sulla costa o nelle tendopoli e solo tre mesi dopo Berlusconi sposta dalla Sardegna a L’Aquila il vertice G8. Poi parte subito la costruzione delle “new town” antisismiche attorno alla città, nelle quali alloggeranno circa 5mila persone già a novembre.

Ma intanto il centro storico rimane così e diventa “zona rossa”. I lavori di ricostruzione non partono. L’angoscia monta e gli aquilani per protesta attaccano le chiavi delle case terremotate alle transenne dei tristemente famosi “4 cantoni dell’Aquila” e danno il via al “movimento delle carriole”. Una città intera si ribella al fatto che i lavori non partivano.

Oggi L’Aquila è ancora un cantiere e solo circa la metà degli edifici sono stati ricostruiti. Ma 64 centri abitati sono ancora da riedificare, oltre 700 edifici vincolati dal ministero dei Beni Culturali e altri più di 200 nei comuni del cratere.

E ad oggi devono rientrare nelle loro case ancora quasi 3mila famiglie, quasi una persona su due.

laquila 5laquila 6

Dopo il sisma de L’Aquila, si contano ancora il disastro dell’Emilia del 2012 e la sequenza di Amatrice del 2016. Molto è stato fatto dalla catastrofe di Messina-Reggio, ma ancora c’è molto da mettere in pratica dal punto di vista delle ricostruzioni, a partire dal controllo delle infiltrazioni mafiose fino ad arrivare al controllo delle norme antisismiche.

Di molte cose siamo venuti a conoscenza e abbiamo capito (a parole) di dover puntare sulla prevenzione. Ma pare che non sia questa la direzione che stiamo prendendo.

Leggi anche:

Germana Carillo
Fonte foto

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook