Anche a Milano il ‘muro della gentilezza’ dove chi ha bisogno può prendere giacche, vestiti e libri

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Anche Milano avrà il suo muro della gentilezza dove lasciare indumenti caldi, giacche e libri per le persone che ne hanno più bisogno e che potranno prenderli gratuitamente.

Si diffondono un po’ ovunque i muri della gentilezza, spazi di solidarietà su cui lasciare qualcosa che non si utilizza più ma che magari può far comodo ad altri, soprattutto in questi giorni di grande freddo: dunque cappotti, giacche, sciarpe, cappelli, coperte ma anche libri e altri beni di prima necessità.

Uno spazio di questo genere, un vero e proprio muro, sarà inaugurato il 7 gennaio a Milano in via Luigi Nono al “Tempio del futuro perduto“. L’iniziativa è stata lanciata proprio dal collettivo che ha ristrutturato lo  spazio abbandonato della Fabbrica del vapore, un gruppo di ragazzi che già si sono distinti per altre iniziative di solidarietà come quella in cui sono state offerte colazioni e aperitivi agli automobilisti bloccati nel traffico, un modo originale anche per far conoscere le proprie iniziative.

Tornando al muro così lo descrivono gli ideatori su Facebook:

“un muro in cui a qualsiasi ora si potranno trovare appesi vestiti invernali ed estivi, beni di prima necessità, libri e molto altro. Per chi ne ha più bisogno ma anche per la comunità del quartiere e la cittadinanza intera! Il Tempio è da due anni un punto di raccolta permanente di vestiti usati che vengono poi destinati a senzatetto e missioni umanitarie”.

Raccogliamo l’invito di questo nuovo muro della gentilezza: share the love!

Sui “muri della gentilezza” ti potrebbe interessare anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, consumi e benessere olistico. Laureata in lettere moderne, ha conseguito un Master in editoria
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook