Lotta biologica: a Latina liberate 10.000 coccinelle per salvare i tigli di Latina

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La carica delle Coccinelle! Sono state 10.000 quelle liberate ieri mattina nei giardini pubblici di Latina con l’obiettivo di tutelare il verde urbano e combattere in modo biologico i parassiti. A introdurle nei giardini 130 alunni delle classi elementari del comune pontino.

L’iniziativa rientra nell’ambito del progetto sperimentale per la lotta biologica promosso dall’Amministrazione comunale e Sogin, la Società di Stato incaricata della bonifica ambientale dei siti nucleari italiani, fra i quali la centrale di Latina. La tappa successiva sarà quella di impiegare le larve per la disinfeszione biologica delle alberate di viale Michelangelo, via Verdi, viale XXI Aprile e viale Umberto I, per un totale di oltre 300 tigli.

Come sappiamo, infatti, le coccinelle della specie Adalia bipunctata agiscono come limitatore naturale nutrendosi degli afidi delle piante in particolare dell‘Eucallipterus tiliae: le larve più grandi, come pure gli adulti, sono in grado di divorare fino a 100 afidi al giorno evitandone la diffusione. Questi parassiti succhiano la linfa delle piante producendo una secrezione zuccherina, detta “melata”, che danneggia gli alberi e imbratta gli arredi urbani.

Voglio ringraziare Sogin per la disponibilità e l’impegno da sempre mostrati per la salvaguardia ambientale del nostro territorio – ha affermato il Sindaco Giovanni Di Giorgi – Oggi abbiamo avviato un intervento di riequilibrio biologico del nostro habitat urbano, aggredendo i parassiti delle piante in modo naturale. Quest’iniziativa – ha aggiunto il Sindaco – assume anche una valenza culturale per la nostra cittadinanza in quanto educa ad una rivalutazione del verde urbano come un bene comune che va tutelato e valorizzato. In tal senso, abbiamo coinvolto anche le scuole perché i bambini sono i cittadini di domani“.

coccinelle latina2

Questo progetto, – ha dichiarato in una nota stampa Giuseppe Nucci, Amministratore Delegato di Sogin – nato dal proficuo rapporto di collaborazione instaurato con l’Amministrazione comunale, rappresenta un ulteriore esempio dell’impegno di Sogin per diffondere una buona pratica di sviluppo ecosostenibile. La coccinella – ha continuato Nucci – è il simbolo che Sogin ha adottato per valorizzare e caratterizzare la propria missione, ossia terminare la bonifica ambientale dei siti nucleari e restituirli ai cittadini, liberi da vincoli radiologici. Si tratta della più grande bonifica ambientale della storia del nostro Paese“.

Simona Falasca

LEGGI anche:

Lotta biologica: come attirare le coccinelle e gli insetti utili nell’orto

Coccìlook: il kit per allevare le coccinelle e sensibilizzare alla lotta biologica

72 mila coccinelle nel centro commerciale per combattere i parassiti

Come e perché costruire una casetta per gli insetti utili

Afidi: come combattere i “pidocchi” delle piante con… la cannella!

12 fertilizzanti e pesticidi biologici fai-da-te contro i parassiti del giardino

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Direttore responsabile ed editoriale di greenMe. Ha una laurea in Scienze della comunicazione e un'esperienza pluriennale negli uffici stampa. In greenMe ha trovato il modo di dare sfogo alla sua "natura" più vera.
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook