Le foto di Londra avvolta nello smog: colpa delle emissioni e della sabbia del Sahara

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L’aria di Londra è pericolosa e irrespirabile. La colpa è di un velo di smog che ricoprirà East Anglia e East Midlands fino a venerdì. Il fenomeno deve la sua origine a un micidiale cocktail di emissioni locali, emissioni delle industrie europee e la ‘Sahara Rain’, la polvere di sabbia del Sahara trasportata dai venti.

L’inquinamento è a livello 10, ol masssimo della scala, e sta causando sintomi della febbre da fieno e problemi respiratori. Per questo le autorità hanno invitato le persone con problemi al cuore o ai polmoni a ridurre nei prossimi giorni la quantità di esercizi fisici all’aperto, nonostante l’invitante temperatura che in questi giorni si è assestata sui 20 gradi.

londra sabbia2

londra sabbia3

londra sabbia 4

Se nei prossimi giorni la situazione migliorerà, quando cioè i venti cambiano direzione e portanno aria fresca dall’Atlantico, oggi il velo di smog era particolarmente visibile sulla capitale, dove auto, moto e strade sono state ricoperte da sabbia rossa e tuuta la città era avvolta in una nube grigia.

londra sabbia 5

londra sabbia 8

londra sabbia 9

londra sabbia 10

Roberta Ragni

Fonte e foto

LEGGI anche:

Lo smog soffoca Parigi: stop alle auto e mezzi pubblici gratis

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook