Le piazze più belle d’Italia deturpate dai parcheggi. Il dossier di Legambiente

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Alcune delle piazze più belle d’Italia sono letteralmente invase dalle auto in sosta. Da nord a sud, i luoghi simbolo del nostro paese sono deturpati da una massa informe di vetture parcheggiate o in transito. A denunciare la situazione è stata , attraverso il dossier “Questa piazza non è un parcheggio“, rivolto principalmente ai sindaci al fine di invitarli ad adottare immediate ordinanze di pedonalizzazione delle zone in questione.

Tra le città analizzate nel documento vi sono Torino, Genova, Roma, Padova, Milano, Napoli, Siena, Brescia, Verona, Bologna e Palermo. In ognuna di esse, si trova qualche angolo caratteristico dotato di valore culturale e turistico, invaso dalle auto.

Ad esempio, partendo dal nord uno di essi è Piazza San Zeno a Verona, che ospita l’omonima basilica, monastero romanico che tra il IX e il XII secolo fu il più ricco e potente della città, con i suoi chiostri e i suoi giardini. Oggi è un grande parcheggio.

Verona

Spostandoci un po’ più a sud, si giunge a Siena, dove a Piazza Provenzano, che ospita la chiesa di Santa Maria di Provenzano, auto e moto sono accatastate ovunque, nonostante sia una zona a traffico limitato.

Siena

Anche in Sicilia la situazione si ripropone e precisamente a Palermo, a Piazza Bellini, dove tra le bellissime cime rosse delle chiese della Martorana e di San Cataldo, si trova un parcheggio per i consiglieri comunali.

Non fa eccezione neanche il Colosseo, dove con la parziale chiusura alle auto nel 1980 è nata la prima isola pedonale italiana. Tuttavia, 30 anni dopo la pedonalizzazione rimasta ancora parziale.

Colosseo

A queste piazze ne vanno aggiunte molte altre: Piazza Vittorio a Torino, Piazza Paolo Vi a Brescia, Piazza Sant’Ambrogio a Milano, Piazza Colombo a Genova, Piazza Caduti della Resistenza a Padova, piazza Castello a Napoli.

Abbiamo raccolto una serie di casi emblematici di cattiva gestione degli storici spazi di aggregazione sociale e culturale nonché del patrimonio artistico e turistico italiano – ha dichiara Alberto Fiorillo, responsabile aree urbane di Legambiente – Piazze storiche, veri e propri gioielli, deturpate dal parcheggio selvaggio“.

L’interrogativo posto dall’associazione ambientalista è uno: “Se le amministrazioni locali non sono in grado di migliorare la vivibilità urbana restituendo queste poche centinaia di metri quadrati ai cittadini, come si può sperare che quegli stessi amministratori abbiano le capacità di eliminare gli ingorghi e di assicurare una mobilità più spedita e sicura nel proprio territorio?“.

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook