India: Agra diventa citta’ solare per salvare il Taj Mahal dallo smog

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Per salvare uno dei più celebri monumenti dell’India, il Taj Mahal, Agra capoluogo dell’omonimo distretto potrebbe diventare una città ‘solare’. Meta di visita da parte di tantissimi turisti provenienti da tutto il mondo, il mausoleo costruito nel 1632 dall’imperatore moghul Shah Jahan in memoria della moglie preferita Arjumand Banu Begum, è a rischio per colpa dell’inquinamento.

Molte sono state le iniziative e i progetti per salvare il Taj, come quella del 2009 quando venne portata avanti una campagna intrapresa dallo Uttar Pradesh Forest Department e da Organic India, per piantare il Tulasi, una pianta medicinale simile al basilico tipica dell’Asia. Quest’ultima rilasciando una grande quantità di ossigeno ha sì ridotto l’impatto negativo delle emissioni industriali e delle raffinerie ma il mausoleo è ancora a rischio.

Ecco perché occorre una soluzione a lungo termine e ancora più efficace. Così si è deciso di fare di Agra una città solare. Lo Union Ministry of New and Renewable Energy di recente ha approvato un progetto per far sì che la città venga alimentata esclusivamente grazie all’energia prodotta dal sole. E a quanto pare i tempi non dovrebbero essere lunghi. Sebbene durante la riunione, svoltasi al Ministero lo scorso febbraio, non siano trapelate date, sembra che la relazione dettagliata del progetto (DPR) dovrebbe essere pronta e presto potrebbe essere inviata direttamente al Governo dell’Unione.

Agra genera purtroppo elevate concentrazioni di monossido di carbonio. Nella città e nella zona circostante vivono 5,5 milioni di persone e arrivano ogni anno 7 milioni di turisti. Necessario dunque salvaguardare il monumento simbolo del paese insieme alla salute dei suoi abitanti.

Francesca Mancuso

Leggi anche:

India: le lampade solari a Led portano la luce a mezzo miliardo di persone

Il vento della metro per produrre energia elettrica: parte il progetto pilota a New Delhi

Per immagazzinare energia solare serve…la ruggine

Fotovoltaico portatile: l’energia solare in un trolley

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook