Afghanistan: a Kabul l’inquinamento uccide di più della guerra

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Kabul, la culla secondo alcuni dei primi insediamenti di popolazioni indoeuropee, resa famosa fino ad oggi dalla guerra e dalla devastazione legata alla cacciata dei Talebani, potrebbe avere un altro problema. E questa volta i conflitti internazionali non c’entrano. Si tratta dell’inquinamento che, secondo alcuni esperti, oggi è più letale della guerra.

Assurdo, a prima vista, ma potrebbe davvero essere così. Secondo i dati delle Nazioni Unite, nel 2010 in Afghanistan 2.777 civili sono morti a causa della guerra. Ma l’inquinamento atmosferico, un killer silenzioso, pare ne stia uccidendo ancora di più. Secondo la National Environmental Protection Agency, circa 3.000 persone all’anno muoiono di smog a Kabul.

Carburante di cattiva qualità, auto vecchie, spazzatura bruciata. Una cappa di nebbia insalubre avvolge la città afghana, in cui vivono quasi 4 milioni di abitanti. Gli uomini a piedi o in bicicletta solitamente coprono la bocca con maschere o sciarpe per non respirare la polvere nociva. Le donne fanno lo stesso, coprendosi con il loro burqah blu.

Non è possibile rimanere in buona salute senza maschera“, ha spiegato Ahmad Wali, un farmacista che indossa la sua ogni giorno, anche quando lavora all’interno del proprio negozio. “È difficile ridurre l’inquinamento in fretta” continua. Gli ospedali, poco attrezzati e sempre più pieni, sono costretti a trattare un numero crescente di persone affette da problemi respiratori. “Sono ammalata da tre anni“, ha detto Malalai, una madre afghana in cura presso l’ospedale Jamhuriat, uno dei più grandi della città. “Quando parlo, ho fiato per due o tre minuti, poi ho dolori al petto quando provo a respirare. Non riesco a camminare e stare in piedi per molto tempo e non ho energia“.

Questa la condizione in cui versa parte della popolazione. Alla base vi è stata la repentina espansione della città, progettata inizialmente per un milione di persone.

L’emergenza non è da sottovalutare.

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook