uccelli nerofumo
Nerofumo sulle piume degli uccelli di 100 anni fa che rivela com'è cambiato l'inquinamento urbano negli ultimi decenni.

Sono noti come allodole golagialla, in inglese Horned Larks. Uccelli caratterizzati da una candida pancia bianca e piumaggio bruno screziato di giallo. Almeno oggi. Circa 100 anni fa, l'inquinamento urbano negli Stati Uniti, aveva macchiato di scuro le loro piume, ricoperte dalle fuliggine presente nell'aria.

Un nuovo studio ha esaminato gli antichi esemplari di questi uccelli, ospiti in alcuni musei per tracciare nel tempo il quantitativo di nero di carbonio o nerofumo presente nell'aria e valutare gli effetti delle politiche ambientali sull'inquinamento.

Il nerofumo è un prodotto dalla combustione di prodotti petroliferi pesanti tra cui catrame di carbon fossile, catrame ottenuto dal cracking dell'etilene o da grassi ed oli vegetali.

Gli scienziati del Committee on Evolutionary Biology della University of Chicago e del Field Museum sapevano da tempo che gli uccelli agli inizi del 1900 erano visibilmente più scuri dei loro simili di oggi. I loro sospetti riguardavano la presenza di inquinanti nell'atmosfera di allora. Tutta colpa della rivoluzione industriale in atto.

“La fuliggine sulle piume di questi volatili ci ha permesso di tracciare nel tempo il quantitativo di nero di carbone nell'aria,” ha detto l'autore dello studio Shane DuBay. “Abbiamo scoperto che l'aria alla fine del secolo era ancora più inquinata di quanto precedentemente stimato”.

DuBay e il co-autore dello studio Carl Fuldner, studente presso il Dipartimento di Storia dell'Arte, hanno fotografato più di mille uccelli di 5 specie diverse, vissuti in un arco di tempo di 135 anni per determinare e quantificare gli effetti della fuliggine nell'aria delle città americane nella zona industriale di Chicago. La fuliggine si era attaccata alle loro piume, che agivano come veri e propri filtri. Gli studiosi hanno poi misurato il livello di luce riflessa. Le immagini, che raffigurano il contrasto tra gli uccelli grigi e sporchi con bianchi puliti, dovrebbero far riflettere.

“Quando tocchi questi uccelli, trovi tracce di fuliggine sulle mani. Abbiamo indossato guanti bianchi e si sono macchiati proprio come accade quando si sfoglia un giornale” hanno spiegato i ricercatori. “Se si guarda a Chicago oggi, i cieli sono blu. Ma quando si guardano le immagini di Pechino e Dehli, si ha il l'immagine di come apparivano una volta città americane come Chicago e Pittsburgh. La fuliggine sugli uccelli segue con precisione l'uso del carbone nel tempo. Durante la Grande Depressione, c'è un forte calo del nerofumo sugli uccelli perché il consumo di carbone è sceso”.

Secondo lo studio, la quantità di fuliggine sugli uccelli è ritornata a crescere durante la seconda guerra mondiale, quando l'industria della guerra ha portato all'uso del carbone. Poi è scesa dopo la fine del conflitto, quando sono state utilizzate anche altre fonti di energia ad esempio il gas naturale per riscaldare le abitazioni.

LEGGI anche:

"Il fatto che gli uccelli più recenti siano più puliti non significa che siamo a posto", ha detto DuBay. "Anche se gli Stati Uniti rilasciano meno carbonio nero rispetto al passato, continuiamo a immettere inquinanti meno evidenti nella nostra atmosfera, quegli inquinanti non sono così visibili come la fuliggine”.

La ricerca è stata pubblicata su Pnas.

Francesca Mancuso

maschera lavera 320

Salugea

Colesterolo alto: ridurlo in soli 3 mesi naturalmente

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
banner colloqui dobbiaco
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram