Vetrine_Antismog"Approfittiamo dei saldi: il 50% lo vogliamo solo sui vestiti e non sull'aria che respiriamo!" Questo il grido con cui Legambiente, nel giorno in cui presenta il nuovo dossier Mal'aria 2010 che fa il punto (non troppo incoraggiante) sullo stato dell'inquinamento atmosferico nelle città italiane, lancia nuovamente la protesta "Vetrine Antismog".

Come già successo a dicembre, durante gli acquisti pre-natalizi, anche oggi in tutta Italia, nelle principali vie dello shopping, dove molte persone si sono riversate per approfittare dei saldi invernali, in bella vista nelle vetrine, spiccano manichini armati di mascherine antismog.

I volontari di Legambiente si sono, infatti, accordati con alcuni negozianti particolarmente sensibili alla causa e fatto allestire le vetrine in modo tale che i manichini, oltre ad indossare gonne, pantaloni, cappotti e cardigan in saldo, vestissero anche l'accessorio destinato a diventare, se non si corre in ai ripari, "di moda" e di uso quotidiano per tutti noi. Ma "Ci sono mode che non vorremmo mai seguire" come recita lo slogan dell'opuscolo che verrà distribuito ai passanti che, incuriositi, ne vorranno sapere di più.

L'obiettivo dell'iniziativa, la prima della nuova campagna "Mal'aria di città" che vedrà impegnati gli attivisti di Legambiente per due mesi in azioni dimostrative, è quello di sensibilizzare i cittadini sulla problematica dell'aria che respirano, ma soprattutto i Comuni e le istituzioni ad investire in misure anti-traffico che migliorino la situazione delle polveri sottili, risultata più che mai peggiorata.

Vetrine_antismog

Dal rapporto Mal'aria 2010 stilato in collaborazione con il sito www.lamiaaria.it, infatti, emerge come quasi tutti i capoluoghi di provincia in Italia abbiano superato per molti giorni i livelli consentiti di Pm10. Ma non solo. Perché la storica campagna portata avanti già da anni da Legambiente, affronta non solo il discordo delle polveri sottili ed i problemi della mobilità urbana come il traffico o la scarsa efficienza dei mezzi pubblici, ma anche quello legato all'inquinamento acustico e, in generale, tutto ciò che riguarda la produzione di smog, anche a livello industriale.

Per questo, dopo l'iniziativa delle Vetrine Antismog di oggi, la campagna, che si concluderà a marzo, proseguirà a febbraio con i presidi di Mal'Aria Industriale in cui si rivendicheranno azioni concrete ai fini dell'adeguamento degli impianti ai parametri europei e della riduzione delle emissioni inquinanti in molti casi obsoleti, e per la riduzione delle emissioni degli inquinanti, affinché siano conformati ai parametri europeie con il Trofeo Tartaruga.

Simona Falasca

casa verde

Reale Mutua

La casa verde: pannelli solari e pozzi geotermici

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram