verde urbano istat

Di quanto verde urbano dispone un cittadino italiano? In media 30,3 mq, un po' di pù al Nord-Est e al Meridione, meno al Centro al Nord-Ovest. Lo ha rivelato il nuovo rapporto Verde urbano dell'Istat.

Secondo l'indagine, sono 43 i capoluoghi che hanno un "profilo verde" definito dalle seguenti caratteristiche: consistente dotazione delle superfici destinate a verde urbano (19 città), incidenze superiori alla media delle aree naturali protette (11 città), superfici destinate a uso agricolo (11 città). eno verdi sono le città del Centro con una media di 23 mq per abitante e del Nord-ovest (24,3 mq). Va decisamente meglio nelle città del Nord-est dove il valore medio è quasi il doppio, 45,4 mq per abitante, e al Sud (37,1 mq tra le città del Meridione e 26,7 mq nelle Isole).

densita verde

Vi sono poi delle 'isole' verdi: si tratta del 15% circa dei capoluoghi dove la disponibilità di verde urbano è pari o superiore ai 50 mq per abitante. Un po' di più (17,7%) quelle che non raggiungono la soglia dei 9 mq pro capite, soprattutto nelle Isole (in un terzo dei capoluoghi) e al Sud (in più di quattro città su 10).

Tuttavia, circa un quinto delle città ha valori per abitante superiori alla media sia per densità che per disponibilità del verde urbano: tra queste Sondrio, Trento, Potenza e Matera. Bassi valori di entrambi gli indicatori caratterizzano invece la metà dei capoluoghi (quasi il 70% tra quelli del Sud).

Quali sono le città più verdi? Matera e Lodi, dove tutte le componenti considerate dall'indaine (verde urbano, aree protette e superficie agricola utilizzata o Sau) hanno densità superiori alla media dei comuni capoluogo. Si tratta di realtà territoriali molto diverse: alla componente rurale si somma nel caso del capoluogo lucano l’assetto territoriale del verde urbano (15,8%), influenzato dalla presenza del parco archeologico delle chiese rupestri, mentre un ulteriore 20% del territorio ricade in aree naturali protette. Nel caso del poco esteso comune di Lodi, la caratterizzazione a verde del territorio, con presenza di aree protette che coprono oltre il 35% della superficie complessiva, è completata dal 5% di superficie destinata a verde urbano.

istat prov densita

Nei capoluoghi di provincia, il verde urbano rappresenta in media il 2,7% del territorio (oltre 550 milioni di m2), una quota che corrisponde a una disponibilità di circa 30 mq per abitante. Ma poco meno del 15% della superficie comunale è inclusa in aree naturali protette mentre la superficie agricola utilizzata è pari in media al 45,5% del territorio.

istat aree naturali

Incidenze percentuali superiori al valore nazionale del verde urbano si trovano in 19 città (16,4%): Torino 14,6%, Milano 11,9%, Bologna 8,2% e Verona e Catania con valori più contenuti. Allo stesso tempo, vi sono alcuni centri, per la precisione 14 città (12,1%), caratterizzati soprattutto dall’incidenza delle “aree naturali protette”: Biella, Varese, Belluno, Massa e Villacidro con una quota tra il 20 e il 40% del territorio comunale che ricade tra le aree naturali tutelate. Bene anche L’Aquila dove è pari alla metà della superficie del comune, Venezia col 62,5%.

In poco più di un quarto delle città la caratterizzazione verde è invece legata alla sola componente rurale agricola. In questi comuni, soprattutto del Mezzogiorno, la densità della superficie agricola assume valori elevati e, nella maggior parte delle città, supera il 60% della superficie comunale.

Secondo il Ministro Clini 30mq di verde urbano pro capite non sono sufficienti: "Non bastano; bisogna fare di più per dare ai cittadini un ambiente migliore, più bello e più salubre. Per questo motivo la legge 10 del 14 gennaio impegna i sindaci delle grandi città a potenziare gli spazi urbani dedicati al verde pubblico. Città come Bari, Napoli o Messina, fra quelle più cementificate, devono impegnarsi a imitare gli esempi virtuosi di Sondrio, Lodi e Matera, dove ogni cittadino ha a disposizione aree verdi oltre il 15% degli spazi urbani".

Come fare? Per garantire che venga osservata l'applicazione effettiva della legge, il ministro ha nominato i nove componenti del Comitato per lo sviluppo del verde pubblico. Una task force che dovrà controllare lo stato delle nostre città.

Francesca Mancuso

Leggi anche:

- Città sostenibili: Sassari è super smart e vince il premio!

- Mal'Aria 2013: nelle città italiane si respirano sempre più veleni

porta calcio decathlon 2018

Decathlon

Una porta da calcio per giocare in giardino tutto l'anno

cosmetici pelle lavera

Lavera

Come difendere la pelle dall'inquinamento quotidiano

banner guida pulizie

La guida alle pulizie eco

Tante informazioni, zero euro! Scaricala subito

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
seguici su instagram
guida pulizie
corsi greenme
whatsapp gratis