Yvonne torna a casa: la mucca tedesca “evasa” non sarà più macellata

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

È durata 98 giorni l’avventura di Yvonne, la mucca più famosa d’Europa per essere scappata dal suo allevatore e dal macello per darsi “alla macchia” nei boschi della Baviera: proprio quando le ricerche della polizia erano ormai state sospese, Yvonne è infatti riapparsa spontaneamente nei pressi del paesino Eigelsberg bei Ampfing, nel pascolo di un contadino che, sbalordito, l’ha riconosciuta e catturata.

La mucca star era scappata circa 3 mesi fa, proprio come la sua “sorella italiana” Teresa che, per sfuggire al macello, si era addirittura gettata nello stretto di Messina, cercando di raggiungere le coste calabresi per poi essere salvata e trovare casa in una fattoria didattica. La storia della mucca tedesca aveva subito scosso le coscienze di tutta Europa, soprattutto dopo che la polizia, ritenendola un pericolo pubblico, aveva tentato senza successo di catturarla in ogni modo e numerose taglie erano state messe sulla sua testa.

Elicotteri, cacciatori, rilevatori di calore e persino una trappola organizzata con un toro da monta: niente di tutto questo era riuscita a catturarla e Yvonne ha potuto vagare tranquillamente per 3 mesi nei boschi di Muehldorf, sostenuta dagli ambientalisti di tutto il mondo che lottavano per non farla uccidere.

Fino ad arrivare al lieto fine quando, qualche giorno fa, ha deciso di pascolare pacificamente insieme ai suoi simili: dopo essere stata riconosciuta ufficialmente grazie ad una targhetta sull’orecchio, la mucca è infatti stata sedata e consegnata al suo nuovo proprietario, un ambientalista che insieme aveva deciso di acquistarla insieme a figlio e sorella per evitare che fosse uccisa.

Lieto fine anche per il contadino che l’ha riconosciuta e catturata: a lui spettano infatti i 10.000 euro di ricompensa che il tabloid tedesco Bild aveva offerto a chiunque la catturasse viva.

Eleonora Cresci

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook