Il cammino da record di questa volpe artica: 3.500 km dalla Norvegia al Canada

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Una volpe artica ha camminato per più di 3.500 km dalla Norvegia al Canada in soli 76 giorni: è la stupefacente notizia che arriva dal Norwegian Polar Institute, che dal luglio 2017 aveva dotato l’animale di un dispositivo di localizzazione. Ma ora l’evento lascia molto discutere sul ruolo dei cambiamenti climatici.

Nota come “volpe costiera” o “blu”, la spettacolare bestiola aveva lasciato Spitsbergen, nell’arcipelago norvegese delle Svalbard, il 26 marzo 2018. Dopo 21 giorni e 1.512 km sul ghiaccio marino, è arrivata in Groenlandia, nell’aprile del 2018. E il suo viaggio ha proseguito per Ellesmere Island, in Canada, dove è giunta in queste ore.

Per prima cosa non credevamo fosse vero”, ha detto la ricercatrice Eva Fuglei, che ha rintracciato la femmina volpe.

Secondo il documento di ricerca dell’Istituto intitolato “La corsa di una femmina attraverso il ghiaccio marino”, il viaggio della volpe artica è stato tra i più lunghi mai registrati. Era così lungo, infatti, che i ricercatori inizialmente si chiedevano se il collare della volpe avrebbe potuto essere rimosso e portato a bordo di una barca.

“Ma no, non ci sono barche che vanno così lontano nel ghiaccio. Quindi abbiamo dovuto semplicemente tenere il passo con la volpe”, ha spiegato Fuglei.

E così il collare ha trasmesso dati per un periodo di tre ore al giorno. Spostandosi tra i ghiacci e i ghiacciai, la volpe si è mossa a una media di 46,3 km al giorno e in un giorno ha percorso ben 155 km, quando si trovava sulla calotta glaciale della Groenlandia settentrionale.

I ricercatori pensano che la grande quantità di terreno coperto in quel giorno potrebbe indicare che la volpe abbia usato il ghiaccio marino come “mezzo di trasporto”.

“Il ghiaccio marino gioca un ruolo chiave nel fatto che le volpi di montagna migrino tra le aree, incontrino altre popolazioni e trovino cibo”, ha detto Fuglei, aggiungendo che è stata la prima volta che hanno documentato in dettaglio la migrazione delle specie tra i continenti e ecosistemi nell’Artico.

Il viaggio della volpe ha sollevato preoccupazioni su come l’influenza del cambiamento climatico sul ghiaccio marino potrebbe avere un impatto sulla capacità di migrazione degli animali.

“Questo è un altro esempio di quanto sia importante la presenza di ghiaccio marino nella natura nell’Artico – ha dichiarato il ministro per il clima e l’ambiente della Norvegia, Ola Elvestuen. Il riscaldamento al nord è spaventosamente veloce. Dobbiamo tagliare rapidamente le emissioni per evitare che il ghiaccio marino scompaia per tutta l’estate”.

viaggio volpe

La volpe è stata rintracciata in un’area in cui sarebbe sopravvissuta grazie a risorse alimentari marine, compresi gli uccelli marini. E invece, nel luogo in cui si è stabilita sull’isola di Ellesmere, viveva prevalentemente di lemming (i lemmi, piccoli roditori artici) indicando la sua capacità di cambiare gli ecosistemi. In inverno, quando il cibo scarseggia, le volpi artiche a volte mangiano il cibo lasciato dagli orsi polari.

Le volpi artiche sono animali incredibilmente resistenti che possono sopravvivere a temperature di congelamento brutali fino a 50° C. Gli animali hanno zampe a zampa di pelo, orecchie corte e un muso corto per aiutarli a gestire i climi freddi.

Il destino finale della volpe è sconosciuto: il suo localizzatore GPS ha smesso di funzionare a febbraio di quest’anno.

Leggi anche:

L’emozionante fuga di 14 macachi da uno zoo in Giappone
Più di 500 avvoltoi a rischio estinzione avvelenati in Africa

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook