Il video straziante che mostra centinaia di canguri e koala morti negli incendi in Australia

Un video drammatico quello che arriva da Batlow, nel Nuovo Galles del Sud: con un cellulare viene ripreso ciò che si vede ai bordi della strada: centinaia di corpi di animali uccisi dagli incendi che stanno distruggendo l’Australia.

Una vera e propria strage: ci sono canguri, koala, pecore, tutte vittime delle fiamme che da settembre scorso, hanno già risucchiato 4 milioni di ettari di terreno, uccidendo mammiferi, uccelli e rettili. I primi a pagarne le conseguenze sono i koala, secondo le prime stime, sarebbero 8mila quelli carbonizzati.

“Una notizia gravissima – ha detto il Wwf – dato che in tutta la regione, prima che iniziassero gli incendi, i koala erano solo circa 28mila. La maggior parte dei koala della costa orientale australiana, infatti, vive all’interno del ‘Triangolo dei Koala’, regione in cui la specie potrebbe estinguersi in soli 30 anni”.

Uno scenario che potrebbe diventare ancora più impressionante considerando che, in tutta l’Australia, sono ancora in corso circa 200 incendi e le temperature non portano buone notizie: la prossima settimana sono previsti 40 gradi nel Nuovo Galles del Sud.

Da settembre scorso sono morte 24 persone e oltre mille case sono bruciate; secondo l’Università di Sidney sono già morti 480milioni di animali e per il Wwf numerose specie sono a rischio a causa anche dell’incendio divampato nelle riserve naturali delle Blue Mountains.

A causa dei cambiamenti climatici, dice il Wwf “gli incedi diventeranno ancora più frequenti e si teme che intere specie animali e vegetali endemiche dell’Australia possano andare perdute per sempre”.

Nei giorni scorsi, vi avevamo mostrato il video di dozzine di canguri in fuga dalle fiamme: il gruppo era stato filmato mentre correva attraverso le praterie nei pressi del villaggio di Bredbo, nel disperato tentativo di trovare riparo.

“Un altro scrigno di natura divorato dalle fiamme che nessuno potrà più vedere come prima”.

Senza dimenticare che fuggono dalle fiamme anche opossum,wallaby, wombat, ornitorinchi ed echidna. Una strage figlia dei cambiamenti climatici e della mano dell’uomo sulla natura incontaminata.

Nel frattempo, le autorità australiane hanno arrestato oltre 180 persone per aver appiccato incendi boschivi, in particolare 29 incendi sono stati deliberatamente causati nella regione di Shoalhaven nel sud-est del Nuovo Galles del Sud in soli tre mesi.

Leggi anche:

Giornalista professionista, laureata con lode in Scienze Politiche e con un master in Comunicazione Pubblica e Politica. Vincitrice di due premi giornalistici per la realizzazione di due documentari. A settembre 2017 pubblica "Appunti di antimafia. Breve storia delle azioni della ‘ndrangheta e di quelli che l’hanno contrastata".
Roma Moto Days

Al Motodays 2020 va in scena la mobilità elettrica

Cosmoprof 2020

Scarica la guida sulla clean beauty, il futuro della cosmesi è green

Roma Motodays
Seguici su Instagram
seguici su Facebook