Guardate questa vespa: riesce a trasformare un ragno in uno zombie

vespa ragno zombie

Guardate bene questa vespa: depone un solo uovo sull’addome delle sue prede e li stordisce per poi mangiarli vivi. I ragni si trasformano così in veri e propri zombie facendo una fine davvero inquietante.

La vespa in questione appartiene alla specie Zatypota ed è stata recentemente studiata da un team di scienziati proprio per il suo comportamento.

In poche parole, tralasciando un attimo la legge della natura, potremmo dire che agiscono con un cinismo incredibile. In pratica, si tratta di una vespa che vive nell’Amazzonia ecuadoriana e che si ciba del ragno della specie Anelosimus eximius.

“Non solo questa vespa si rivolge a una specie ‘sociale’ di ragno, ma riesce a farlo uscire dalla sua colonia, cosa che raramente fa”, dice Philippe Fernandez -Fournier, autore principale dello studio.

La vespa si dirige verso il ragno, gli depone un uovo sull’addome e aspetta che il ragno si trasformi in un essere assoggettato dalla sua volontà, è come se non riuscisse a capire più nulla.

Inizia così ad isolarsi dalla colonia, un comportamento molto strano visto che questi aracnidi vivono in comunità.

“Come incantato da chissà quale stordimento il ragno scappa dai suoi simili e va a creare un bozzolo per la larva nemica, in devota attesa di essere mangiato vivo. Dieci o dodici giorni dopo la morte del ragno, la larva è cresciuta e spicca il volo”.

Ma come ci riesce? Il team sta ancora cercando di capirlo anche se l’ipotesi più probabile finora sembra essere che sia la larva stessa a rilasciare ormoni che fanno credere al ragno di essere in uno stadio diverso della sua vita, cioè sfruttano le sue competenze sociali per indurlo a credere che sia necessario allontanarsi dal suo gruppo per costituirne uno nuovo.

Leggi anche:

Dominella Trunfio

10 regali per i 10 anni di GreenMe

Scarica qui i regali che abbiamo scelto per te

Conto Deposito Esagon

Arriva il Conto Deposito che pianta gli alberi e riduce la CO2! Scopri di più>

corsi pagamento

seguici su facebook