Lo splendido ‘unicorno’ ammirato nei monti Sibillini (VIDEO)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Fin da piccoli sogniamo di incontrare un unicorno, quell’animale misterioso e magico protagonista di diversi racconti e leggende. Nella realtà imbattersi in una tale creatura è un’utopia, ma qualcuno sembra essere riuscito in questa impresa (quasi) impossibile e proprio in Italia, sui monti Sibillini.

Non parliamo ovviamente di un vero unicorno dal corpo di cavallo e dal manto bianco ma di un altro animale che condivide con la creatura mitologica la particolarità di avere un solo corno. Si tratta di un capriolo di circa 1 anno, immortalato grazie ad una foto di Giuseppe Chiavari, che per la prima volta si è trovato di fronte ad uno spettacolo decisamente particolare.

Il capriolo, infatti, ha una menomazione genetica che lo rende simile ad un unicorno. Fortunatamente, nonostante la stranezza, il branco non l’ha respinto ma accettato per quello che è. Il piccolo e originale capriolo vive dunque tranquillo e felice insieme ai suoi simili tra i monti Sibillini.

Anche il luogo dell’avvistamento è particolare dato che nelle vicinanze, secondo il mito, si trovava (strana combinazione) la grotta della Sibilla, un luogo magico che ospitava straordinarie creature (chissà magari anche gli unicorni!)

Tornando alla realtà c’è chi ritiene che la leggenda degli unicorni possa essere nata e sia stata alimentata proprio dalla presenza tra i boschi, sia pur rara, di animali con menomazioni genetiche simili a quella del capriolo diventato oggi protagonista. Quello che è stato immortalato e ripreso è un esemplare unico nel suo genere e lo stesso fotografo in anni di lavoro non mai aveva visto nulla del genere.

Guardate il seguente video a partire dal minuto 1 circa…

Un altro video in cui c’è il capriolo solo e illuminato dalla luce del sole potete vederlo sul profilo facebook del fotografo.

Altri animali particolari potete trovarli qui:

unicorno

La leggenda dell’unicorno

Secondo la leggenda, l’unicorno è una creatura dal corpo di cavallo con un singolo corno (lungo e stretto) al centro della fronte. Animale libero, simbolo di purezza, forza e saggezza oltre che invincibile a meno che a domarlo non sia una vergine. Il corno magico e potente sarebbe in grado di essere un antidoto contro i veleni ma una volta reciso dalla testa dell’animale questo andrà inevitabilmente incontro alla morte.

Francesca Biagioli

Foto: Giuseppe Chiavari

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook