In Australia stanno uccidendo pistrelli in via d’estinzione. Rubano la frutta e sono considerati ‘malati’

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Diversi esemplari di pipistrello di una specie in via d’estinzione, sono stati trovati morti, uccisi a colpi di arma da fuoco nello Stato di Victoria, in Australia. Si tratterebbe delle cosiddette volpi volanti o volpi dalla testa grigia (Pteropus poliocephalus), già duramente provate dal caldo asfissiante di questi mesi.

Secondo quanto riporta l’ABC News 6 pipistrelli sono stati trovati morti e con le ossa rotte nella Gippsland (regione rurale del Victoria), un altro è stato invece ucciso in una residenza privata, a Tatura nella valle di Goulburn.

Si registrerebbe dunque un picco di azioni violente nei confronti dei pipistrelli che si avvicinano agli alberi da frutto delle zone residenziali a caccia di cibo dopo che i catastrofici incendi che hanno colpito l’Australia ne hanno devastato l’habitat naturale.

Il Bohollow Wildlife Shelter sostiene che la situazione sia dovuta alla percezione delle persone che considerano i pipistrelli “malati” dimenticando che svolgono un ruolo cruciale nell’ecosistema. Il tutto accade dopo che oltre 200 esemplari sono morti a causa dello stress dovuto al caldo eccessivo nella parte orientale di Victoria.

In tutto il paese, è stato stimato che circa 100.000 pipistrelli sono morti durante la stagione degli incendi a causa di calore, incendi e siccità.

Megan Davidson, amministratore delegato di Wildlife Victoria, ha definito un ‘Atto estremamente crudele’ la recente uccisione dei pipistrelli, considerando tra l’altro che avevano ancora la frutta in bocca e sono stati uccisi mentre stavano solo cercando di nutrirsi per sopravvivere.

ATTENZIONE IMMAGINI FORTI  – SE SIETE PARTICOLARMENTE SENSIBILI PASSATE OLTRE

pipistrello-morto-australia

Foto © Wildlife Victoria

pipistrelli-morti-australia

Foto © Wildlife Victoria

Anche chi non li uccide, fa di tutto per spaventarli e allontanarli ma questo può per loro fare la differenza tra la vita e la morte.

L’opinione pubblica nei confronti di questi animali è sbagliata e deve cambiare. Come ha dichiarato Kirsty Ramadan, che gestisce il Bohollow Wildlife Shelter nella Goulburn Valley:

“C’è un sacco di paura dei virus. Le persone pensano che i pipistrelli siano malati, a loro non piace il rumore, [e] dicono di sentirne l’odore, ma svolgono un ruolo importante e vitale nel nostro ambiente per l’impollinazione”.

I coltivatori di frutta, dal canto loro, non segnalano in realtà un aumento dei pipistrelli che mangiano i loro raccolti ma sostengono che questo potrebbe diventare un problema nel caso non trovassero abbastanza cibo in natura. Non si tratta tanto del fatto che rubano i frutti quanto che ci defecano sopra, inacidendoli e sporcando più di quanto mangiano realmente.

Si tratta comunque di una specie che va tutelata dato che, come ha dichiarato il dottor Davidson:

“sono animali che aiuteranno a ricostruire le nostre foreste e mantenerle in buona salute”

Fonte: Abc News 

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook