Un uccello estinto da migliaia di anni è tornato in vita grazie all’evoluzione iterativa

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il rallo di Cuvier, o rallo golabianca, è un uccello che si estinse ben 136.000 anni ma che oggi, dopo essersi evoluto in maniera molto particolare, è tornato incredibilmente in vita!

Probabilmente è la prima volta che accade qualcosa del genere nel mondo degli uccelli, almeno a detta degli scienziati che hanno realizzato un studio su questa specie tipica dell’atollo di Aldabra, nell’Oceano Indiano. Il rallo di Cuvier (Dryolimnas cuvieri) è un uccello della famiglia dei Rallidi che ha la strana caratteristica di non saper volare e che popolava la zona migliaia di anni fa. Adesso sembra essere tornato dal passato grazie ad un processo chiamato “evoluzione iterativa”.

Questo particolare tipo di evoluzione si verifica quando le stesse strutture o strutture simili si evolvono dallo stesso antenato comune ma in momenti diversi. Ciò significa che, nel corso del tempo e in luoghi anche differenti tra loro, c’è la possibilità che compaiano specie pressoché identiche.

“Non conosciamo altri esempi di uccelli che illustrino in maniera così evidente questo fenomeno” ha dichiarato il Professor David Martill, paleobiologo della Scuola di Scienze della Terra e dell’Ambiente dell’Università di Portsmouth, co-autore della ricerca insieme a Julian Hume, paleontologo del Museo di Storia naturale di Londra.

Praticamente, a decine di migliaia di anni di distanza, questa specie è tornata a popolare Aldabra e, cosa interessante, ha sostanzialmente le stesse caratteristiche della sua prima comparsa sulla terra, compresa l’incapacità di volare.

rallo cuvier

Il rallo golabianca ha all’incirca le dimensioni di un pollo, è originario del Madagascar ma ha poi colonizzato altre isole, crescendo di numero. Molti esemplari tra quelli che anticamente partirono in direzione nord o sud, morirono o diventarono prede di altri animali ma alcuni tra quelli che si erano diretti verso est riuscirono a sopravvivere e a popolare le isole oceaniche della zona, tra cui appunto Aldabra.

Aldabra non ha predatori e così questi uccelli hanno perso progressivamente la capacità di volare. L’isola successivamente scomparve completamente a causa dell’innalzamento dei livelli del mare ma, migliaia di anni dopo, l’acqua è tornata ai livelli consueti e l’atollo è stato ricolonizzato nuovamente da questi uccelli.

Confrontando le ossa degli esemplari precedenti e successivi all’inondazione che subì Aldabra circa 136.000 anni fa, i ricercatori hanno scoperto la particolare evoluzione di questi uccelli che è stata in grado di riportarli in vita.

Ma con i cambiamenti climatici in corso, il livello del mare si sta alzando nuovamente e quindi la specie rischia di scomparire per la seconda volta insieme ad Aldabra. Riuscirà a tornare per la terza volta?

Lo studio è stato pubblicato su Zoological Journal of the Linnean Society

Leggi anche:

Francesca Biagioli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook