Questo tassista “dà un passaggio” ai teneri pulcini di uccelli marini, quando confondono l’asfalto con il mare

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ogni sera, Toni Painting fa un giro per le strade della città di Kaikoura in Nuova Zelanda, alla ricerca di cuccioli di Berta di Hutton, uccelli marini in via d’estinzione che durante la notte, si schiantano sulle strade perché confondono l’asfalto lucido con il mare.

La Berta di Hutton, è un uccello marino di medie dimensioni della famiglia Procellariidae che vive in Australia e in Nuova Zelanda. Un uccello che si trova nella lista rossa dell’IUCN e considerato in via d’estinzione perché si stima che siano rimaste poche colonie. Per questo il tassista Toni Painting, nel tentativo di dare un contributo alla specie,ogni notte va alla ricerca dei pulcini di Berta di Hutton, che finiscono sull’asfalto perché confusi dalla nebbia.  Storditi a terra, questi pulcini rischiano di essere uccisi, così il tassista, li recupera, li porta in un centro di riabilitazione della fauna selvatica per le prime cure che a sua volta, una volta guariti li riporta in mare.

La caratteristica di questo uccello è che pur essendo marino, nidifica e alleva i suoi piccoli in montagna, a quasi 1200 metri d’altezza. Dagli anni ’60 le loro colonie riproduttive si sono ridotte da otto a due e gli esperti sono convinti che anche il fatto che molti finiscano sull’asfalto ha un ruolo determinante. I piccoli alle prime armi, devono affrontare il tragitto dalla montagna al mare e nelle notti nebbiose e senza luna, finiscono per scambiare il bitume con l’oceano. Una volta atterrati in picchiata, i piccoli non sono in grado di camminare, né muoversi e spesso vengono investiti o diventano cibo per cani e gatti.

“Esco mezz’ora dopo il tramonto. Poi esco ogni ora fino a mezzanotte e mezza”, ha detto Painting, che tiene delle scatole nel suo taxi per poter salvare i pulcini che sono bellissimi, soffici, ma parecchio pesanti.

berta

@Supplied/ Hutton’s Shearwater Charitable Trust

L’uomo ha detto che nella sua notte più affollata sono stati salvati più di 200 uccelli, con altri volontari che hanno lavorato fino all’alba. Ted Howard è il presidente della Hutton’s Shearwater Charitable Trust e spiega che sono tanti i volontari che come Painting pattugliano le strade per salvare gli animali.

“Sono davvero affascinanti e strani. Una volta qui erano in tantissimi”, dice e gli fa eco Erica Wilkinson, del dipartimento della conservazione, che spiega come questi uccelli siano sempre più minacciati. “Invertire il declino della nostra biodiversità richiede davvero lo sforzo di tutti, insieme possiamo cambiare le cose”, spiega Wilkinson.

Una volta che gli uccelli sono stati riabilitati, vengono rilasciati in acqua. “Adoro questi piccoli, quindi viene dal mio cuore, aiutarli”, chiosa Painting.

Fonte: The Guardian

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook