Il tumore più antico del mondo: colpisce i cani da 11mila anni (VIDEO)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Gli scienziati hanno sequenziato il genoma del cancro trasmissibile più antico del mondo. È un tumore agli organi genitali dei cani che sopravvive alla morte dell’essere che ha colpito, generatosi migliaia di anni fa.

Questo tipo di neoplasia, che provoca grottesche escrescenze tumorali nei cani di tutto il mondo, si è manifestato la prima volta in un esemplare vissuto circa 11.000 anni fa e da allora è arrivato fino ai giorni nostri, sopravvivendo alla morte del cane grazie al trasferimento delle cellule tumorali ad altri cani durante l’accoppiamento.

Secondo lo studio, pubblicato sulla rivista Science, il genoma di questa malattia vecchia 11mila anni trasporta circa due milioni di mutazioni geniche, molte di più di quelle che si trovano nella maggior parte dei cancri dell’uomo, la maggior parte delle quali ha tra le 1.000 e le 5.000 mutazioni. Il team dei ricercatori del Wellcome Trust Sanger Institute e della University of Cambridge ha utilizzato proprio una di queste mutazioni, nota per accumularsi costantemente nel tempo come un “orologio molecolare”, per stimare l’incredibile età di questo tumore.

Il genoma di questo cancro straordinariamente longevo dimostra che, nelle giuste condizioni, i tumori possono continuare a sopravvivere per più di 10.000 anni, nonostante l’accumulo di milioni di mutazioni“, spiega Elizabeth Murchison, primo autore dello studio. L’analisi di queste varianti genetiche ha anche rivelato che il primo cane in cui la malattia si è generata probabilmente assomigliava a un Alaskan Malamute o Husky. Aveva un manto a pelo corto di colore grigio-marrone o nero.

La sequenza genetica non ha potuto determinare se era un maschio o una femmina, ma ha indicato che si trattava di un incrocio. “Non sappiamo perché questo particolare individuo ha dato il via a un cancro trasmissibile, ma è affascinante guardare indietro nel tempo e ricostruire l’identità di questo antico cane il cui genoma è ancora vivo oggi nelle cellule del cancro che ha generato“, conclude la dottoressa Murchison. Il genoma di questa neoplasia aiuterà a capire meglio i processi che consentono al cancro di diventare trasmissibile.

Roberta Ragni

LEGGI ANCHE:

Cancro: 10 possibili sintomi del tumore in cani e gatti

Cancro al seno: sempre più diffuso nei cani. Una spia per prevenire i tumori delle donne?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Schär

Celiachia o sensibilità al glutine? Come ottenere una corretta diagnosi

Cristalfarma

Come gestire nel proprio piccolo disturbi d’ansia e stress di uno dei momenti storici più difficili

NaturaleBio

Cacao biologico naturale, in granella o in polvere: benefici e ricette per portarlo in tavola con gusto

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook