‘Tortura di San Sebastiano’ in Liguria. Caccia con arco e frecce a caprioli, daini e camosci

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Caccia con arco e frecce a caprioli, daini e camosci e uso di munizioni al piombo. È quanto stabilito da una proposta di legge all’ordine del giorno del Consiglio della Regione Liguria.

“Tempo di elezioni regionali e tempo di marchette elettorali in Liguria”, tuona l’Enpa, ricordando i pronunciamenti del TAR ed i pareri scientifici dell’ISPRA circa la pericolosità del consumo con cottura di carni di ungulati contenenti minuscoli frammenti di piombo delle munizioni, il cui uso era stato sospeso due volte.

Oltre a questo pericolo per la salute dei consumatori sull’uso del piombo, si aggiunge l’autorizzazione a cacciare con arco e frecce caprioli, daini e camosci. Purtroppo infilare una freccia nel corpo di un grosso animale come un cervide quasi mai lo ucciderà subito o rapidamente, ma lo condannerà ad una agonia lenta ed atroce.

cervo-infilzato-freccia1

Se l’animale non morirà subito, infatti, si allontanerà con la freccia nel corpo, andando incontro a una morte per dissanguamento o da ferita infetta. Come è accaduto nel 2010 a Finale Ligure (SV), quando i volontari della Protezione Animali soccorsero una giovane cinghialina che era stata colpita da un bracconiere con una freccia.

freccia finale 8 10a

L’animale era riuscito a fuggire, malgrado il dardo fosse conficcato profondamente nella schiena e gli avesse perforato i polmoni, e si era trascinato per giorni, fino a giungere per fortuna vicino ad una casa. Qui è stato trovato e segnalato ai volontari dell’ENPA, i cui veterinari purtroppo non poterono fare altro che sottoporlo ad eutanasia per abbreviarne l’ormai inevitabile agonia.

Secondo l’ENPA savonese, è ignobile che si voglia autorizzare un tipo di caccia che è un’autentica tortura e si appella ai consiglieri regionali affinché non approvino questa ennesima barbarie “a beneficio di qualche decina di patetici Robin Hood al contrario, che rubano la vita a poveri animali per un crudele passatempo”.

Forse è il caso di ribadire che i cittadini italiani aborrano la caccia in ogni sua forma. Secondo l’ultimo rapporto Eurispes ben il 74,3% di loro è contrario.

Roberta Ragni

LEGGI ANCHE:

Caccia: finalmente al bando le munizioni al piombo e il Diclofenac

Lupo ucciso e lasciato in piazza. Caccia ai colpevoli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook