Tigri e leoni liberati dopo anni di prigionia in un circo calpestano l’erba per la prima volta (VIDEO)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Dodici tigri e cinque leoni salvati dai circhi del Guatemala sono arrivati in Sudafrica, presso il santuario per gli animali selvatici dell’associazione ADI e sono stati finalmente liberati.

Il team dell’ADI (Animal Defenders International) ha filmato il momento in cui due delle tigri, i due fratelli Max e Stripes, hanno mosso i loro primi passi sull’erba annusando incuriositi tutto intorno, forse la prima volta in cui gli animali possono camminare liberi su un prato.

Gli animali hanno infatti vissuto tutta la loro vita in cattività, chiusi in piccole gabbie e costretti a esibirsi negli spettacoli circensi.
Alle tigri e ai leoni non veniva nemmeno assicurata un’alimentazione adeguata: erano nutriti solo con zampe di gallina e questo non ha consentito loro di crescere e svilupparsi in modo adeguato.

L’ADI ha portato avanti una battaglia durata un anno e mezzo per convincere il governo del Guatemala a impegnarsi per far rispettare il divieto di sfruttamento degli animali selvatici nei circhi, in vigore dal 2018.

Purtroppo gli animali non potranno tornare allo stato brado, poiché gli sono stati asportati artigli e canini, dunque non riuscirebbero a cacciare e nutrirsi.
Nel santuario potranno però finalmente vivere in una condizione migliore e più vicina alla loro natura.

Chi volesse aiutare l’associazione che si prenderà cura di tigri e leoni, può fare una donazione o adottare a distanza uno dei magnifici felini.

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
Carnitina

Benefici, controindicazioni e quando è consigliato assumerla

Cristalfarma

Meteorismo e pancia gonfia? Migliora la tua digestione con l’alimentazione e non solo…

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook