Una rarissima tigre nera è stata avvistata in India, al mondo ne esistono meno di 10 esemplari

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Bellissima, ma estremamente rara. Un fotografo amatoriale è riuscito a immortale una tigre nera a Odisha, in India. Un evento straordinario perché, nello Stato, ci sono solo sette o otto esemplari in tutto.

Quando l’ha vista, Soumen Bajpayee non riusciva a crederci. Perché la tigre ha questa colorazione? Chiariamolo subito, la tigre nera non è una specie, ma una comune tigre affetta da melanismo ovvero un eccesso di pigmentazione che rende molto scuro o addirittura nero il colore di pelle, peli o piume che normalmente non lo sono. Questo fenomeno, che interessa sia mammiferi che rettili, uccelli, anfibi e insetti, è spesso il risultato di mutazioni genetiche che possono essere spontanee o dipendere da agenti esterni come la temperatura o l’inquinamento.

Il melanismo, quindi, si contrappone all’albinismo. Rappresenta comunque un evento raro in natura, per questo l’avvistamento della tigre nera suscita un certo stupore.

“Sono rimasto sorpreso e mi sono sentito fortunato per aver visto la tigre”, ha spiegato Bajpayee, fotografo matoriale e studente 27enne al Master in Tecnologia di Calcutta, nel Bengala occidentale, che era in visita in un santuario quando ha fatto lo scatto. “Stavo osservando la natura, gli uccelli e le scimmie, quando improvvisamente ho visto qualcosa che sembrava una tigre ma non una tigre normale. Allora non avevo idea delle tigri melaniste. Poi all’improvviso è apparsa dal bosco, è rimasta qualche secondo e si è allontanata dietro gli alberi”, spiega.

Queste tigri solitamente si trovano nelle giungle dello stato indiano e raramente vengono avvistate, anche se l’India ospita il 70% della popolazione mondiale dei grandi felini. La maggior parte delle tigri nere si trova nella Simplipal Tiger Reserve in Odisha. La riserva ha segnalato per la prima volta la lo presenza nel 2007.

Questi felini sono di dimensioni più piccole, ma hanno la stessa potenza fisica. Non sfuggono neanche al bracconaggio: sono presi di mira per le loro ossa, artigli, pelle e perfino baffi usati nella medicina tradizionale cinese. Ma il problema non è solo questo, i livelli più elevati di urbanizzazione stanno riducendo la natura e le tigri non hanno più spazio per vivere e riprodursi.

Fonte: Soumen Bajpayee

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Cristalfarma

Come gestire nel proprio piccolo disturbi d’ansia e stress di uno dei momenti storici più difficili

NaturaleBio

Cacao biologico naturale, in granella o in polvere: benefici e ricette per portarlo in tavola con gusto

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Schär

Celiachia o sensibilità al glutine? Come ottenere una corretta diagnosi

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook