107 tartarughe marine protette nascoste in un furgone refrigerato: trafficante condannato a 13 anni di carcere

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Nel suo furgone refrigerato aveva nascosto 107 tartarughe marine protette. Un trafficante cinese di fauna selvatica è stato condannato a 13 anni di carcere.

Una scena macabra quella apparsa agli occhi degli agenti di di Zhoushan, nella provincia di Zhejiang, nella Cina orientale. In un bosco sul ciglio di una strada hanno trovato un grosso furgone sospetto. Dopo averlo aperto, hanno scoperto che il camion era pieno di tartarughe congelate. Così si sono messi alla ricerca del trafficante, di nome Shen Mou.

L’uomo, una volta rintracciato, è stato condannato a quasi 13 anni di prigione e dovrà pagare anche una multa di quasi 20mila euro. Anche i due complici, Jiang e Liu, che gli avevano venduto alcune delle tartarughe sono stati chiusi in carcere. Shen, Jiang e Liu sono sono stati condannati rispettivamente a 12 anni e 7 mesi, 5 anni e 8 mesi e 1 anno e 2 mesi per il crimine di trasporto illegale, acquisizione e vendita di animali selvatici preziosi e in via di estinzione.

Gli animali appartenevano a due specie protette e il loro valore si aggirava intorno ai 3,123 milioni di yuan, circa 400mila euro.

Si tratta del primo caso di contenzioso di pubblico interesse che coinvolge le tartarughe marine accettato dalla Corte marittima nazionale cinese. In realtà, la vicenda ha avuto luogo nel mese di ottobre 2018 ma è stata rivelata questa settimana da un tribunale locale dello Zhejiang.

Il caso, insieme ad altri 5, è stato portato alla luce dalle autorità provinciali in un post sui social media cinesi nella speranza di sensibilizzare l’opinione pubblica sulla protezione dell’ambiente e sulla sicurezza della salute pubblica.

“Durante il processo di sei casi di contenzioso di interesse pubblico, la Corte popolare ha attivamente implementato il concetto di giustizia riparativa e ha condannato gli imputati a sostenere la perdita di risorse di animali selvatici o la compensazione per danni ecologici, ecc. E il denaro è stato utilizzato esclusivamente per il ripristino ecologico“.

La notizia arriva proprio quando la Cina ha disposto la riduzione del consumo e del commercio di animali selvatici nel paese durante la pandemia di coronavirus.

La Cambridge University Press nel 2017 ha pubblicato uno studio in cui mette a confronto il rapporto tra le leggi cinesi e i trattati internazionali. Quello cinese è uno dei più grandi mercati della fauna selvatica del mondo, dall’avorio ai gusci di tartaruga fino alle corna di rinoceronte.

L’attività illegale è in conflitto con le indicazioni della CITES. Per questo negli ultimi tempi, la Cina ha compiuto degli sforzi per adottare misure più rigorose e punire e prevenire il traffico illegale di animali selvatici. Questo ha dato vita alla legge sulla protezione degli animali selvatici, che include le tartarughe marine.

Fonti di riferimento: Cambridge, mp.weixin.qq, Hangzhou Daily

LEGGI anche:

Per prevenire la prossima pandemia, dovremmo preoccuparci del commercio legale di animali selvatici

Coronavirus: la Cina vieta il consumo e il commercio degli animali selvatici

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Cristalfarma

Come gestire nel proprio piccolo disturbi d’ansia e stress di uno dei momenti storici più difficili

Schär

Celiachia o sensibilità al glutine? Come ottenere una corretta diagnosi

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

NaturaleBio

Cacao biologico naturale, in granella o in polvere: benefici e ricette per portarlo in tavola con gusto

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook