Squartano e uccidono per gioco una tartaruga al parco comunale di Termoli

Tartaruga squartata Termoli

Un gesto insensato e incomprensibile è stato compiuto verso una tartaruga che viveva in un laghetto del parco comunale di Termoli, in provincia di Campobasso.

L’animale è stato tirato fuori dall’acqua e barbaramente ucciso, squartato probabilmente per gioco.

A darne notizia è un lettore di Termoli Online, attraverso un appello inviato ieri al quotidiano:

“Buona domenica, vi scrivo per sottoporvi una situazione degradante e triste” – si legge nel messaggio – “Al parco i lavoti per i laghetto sono fermi da giorni e le poche tartarughe autoctone lasciate in una triste pozza di fanghiglia sono a rischio.
Oggi ne abbiamo trovata una morta in un modo orribile, tirata fuori per gioco e poi uccisa.
Non è accettabile, tra chi fa barbecue e lascia i carboni sul prato secco, immondizia ovunque, questo accanirsi su un animale anche protetto dal Cities è troppo.
Per favore datene notizia, almeno grazie a voi si smuoverà il Comune e le altre saranno salve”.

Da diverso tempo sono in corso i lavori per ripulire il laghetto di quello che è definito il polmone verde della città di Termoli. Al momento è stata eliminata parte dell’acqua e le tartarughe sono costrette a muoversi faticosamente nella melma.

Gli animali dovrebbero essere trasferiti in una piscina, catalogati dai veterinari e immessi nuovamente nel laghetto alla conclusione dei lavori.

Ci auguriamo che in seguito alla barbara uccisione di questa povera tartaruga l’amministrazione si adoperi per spostare gli esemplari ancora presenti e per garantire loro sicurezza e condizioni di vita dignitose. E che, soprattutto vengano individuati e puniti i responsabili dell’ignobile gesto.

Leggi anche:

Tatiana Maselli

Photo credit: Termoli Online

Triumph

Together we recycle: Triumph ricicla i capi usati in nome dell’ambiente

Salugea

Come depurare il fegato con gli estratti vegetali

Germinal Bio

Dire addio alla plastica si può: l’esempio da seguire di Germinal Bio

WhatsApp

Usi WhatsApp? Iscriviti alle nostre news gratuite

tuvali
seguici su Facebook