Morta la tartaruga salvata dal piccolo Gabriele: aveva ingoiato troppa plastica e lenze

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

AGGIORNAMENTO 25/07/2019 Purtroppo non ce l’ha fatta l’esemplare salvato dal piccolo Gabriele. L’animale aveva superato l’intervento chirurgico per l’estrazione dell’amo che aveva ingoiato, ma non ha superato una crisi dovuta a un groviglio di lenza e plastica che aveva ingerito.

“Ne ha determinato l’occlusione intestinale, provocando un’infezione che ne ha poi determinato la morte prima che potesse intervenire con altro intervento chirurgico”, spiegano  i veterinari del CReS di Oristano dove era ricoverato.

Vi avevamo raccontato la sua storia

Una tartaruga Caretta caretta è stata salvata dalle conseguenze dell’inquinamento marino da un bambino.

È accaduto sulla spiaggia di Villaputzu, in Sardegna. Il piccolo Gabriele ha notato l’esemplare di tartaruga nei pressi della riva, intrappolata in un rifiuto di plastica.

Il bambino ha avvisato immediatamente i genitori, che hanno poi provveduto a contattare il Corpo Forestale di Muravera.

L’intervento tempestivo di Gabriele è stato decisivo: la tartaruga è stata infatti trasferita in una struttura specializzata di Oristano, dove i veterinari hanno provedduto a soccorrere e salvare la vita dell’animale.

Oltre alla plastica avvolta attorno al corpo della tartaruga, i medici hanno rilevato anche la presenza di un amo conficcato nella bocca dell’animale. L’amo è stato rimosso attraverso un’operazione chirurgica e per i prossimi giorni l’esemplare sarà tenuto sotto osservazione, prima di essere rimesso in libertà.

La tartaruga salvata dal piccolo Gabriele è solo l’ultimo degli animali rimasti vittima dell’inquinamento dei nostri mari, ormai invasi da resti di plastica.

Grazie alla prontezza e alla sensibilità del bambino, questa volta è stato possibile salvare la vita all’esemplare, ma sono tantissimi gli animali che purtroppo muoiono dopo aver ingerito o essere rimasti impigliati nei rifiuti di plastica che raggiungono l’ambiente marino.

Leggi anche:

Tatiana Maselli

Photo credit Corpo Forestale

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook