Uccisa e legata a un sasso: grave atto di bracconaggio contro una tartaruga

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Una tartaruga caretta caretta uccisa e legata a un masso. È successo a Taranto, dove sabato è stato scoperto questo grave atto di bracconaggio. Il corpo dell’animale infatti era stato legato al sasso per trattenerne il corpo sul fondale e nasconderlo.

Gaetana, è questo il nome dato alla tartaruga dai volontari WWF che l’avevano curata, era una femmina adulta lunga 73 centimetri, larga 66,5 centimetri e con un peso di 51,9 chilogrammi. Era stata recuperata nei pressi del Parco Cimini a Taranto il 9 gennaio del 2017 ed era stata subito presa in cura dal personale dell’Oasi WWF di Policoro.

Una volta ristabilita la caretta caretta era stata liberata a Parco Cimino il 10 aprile scorso. Una nuova vita in mare per lei. Ma purtroppo il suo ritorno in mare è durato solo pochi mesi.

Sabato il suo corpo è stato ritrovato da una pattuglia dell’associazione Arpec Puglia, che ha avvistato i volontari del WWF di Taranto.

Il raccapricciante ritrovamento è apparso subito come una vera e propria esecuzione. Ciò ha fatto scattare l’allerta tra le autorità competenti: Carabinieri, Guardia Costiera, ASL ed Aeronautica (la tartaruga è stata infatti rinvenuta presso la S.V.T.A.M. Scuola (Scuola Volontari di Truppa dell’Aeronautica Militare di Taranto) sono accorsi immediatamente sul posto. Il magistrato ha disposto l’avvio di indagini approfondite per individuare l’autore di questo gesto così meschino e brutale.

tartaruga sasso

“Il WWF che con il suo ufficio legale ha già avviato tutti gli approfondimenti per valutare una eventuale costituzione di parte civile contro chi si è macchiato di questo orribile crimine di natura chiede alle autorità competenti di fare piena luce su quanto accaduto individuando al più presto l’autore di questo gesto raccapricciante. Il WWF chiede inoltre alle istituzioni di Taranto un impegno straordinario di sorveglianza contro la pesca illegale all’interno del Mar Piccolo dove la pesca con le reti è vietata oltre che un tavolo permanente sulla salvaguardia del Mar Piccolo” fa sapere l’associazione.

tartaruga sasso2LEGGI anche:

Immagini troppo tristi, difficili anche da guardare. Una violenza immotivata che deve essere punita duramente.

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook