@SebastianKaulitzki/123rf.com

Gli orsi d’acqua sono davvero indistruttibili (ma il modo in cui è stato scoperto è terribile)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un recente studio ha dimostrato che i coriacei orsi d’acqua possono sopravvivere a tutto (o quasi) – anche a un proiettile sparato ad alta velocità. Ma, dopo aver letto come i ricercatori lo hanno scoperto, viene da chiedersi se era davvero necessario saperlo…

I tardigradi, comunemente chiamati orsi d’acqua, sono dei microscopici animaletti (misurano circa 1 millimetro) e sono noti per la loro tempra indistruttibile – potenzialmente in grado di resistere anche a un’apocalisse che distruggerebbe il genere umano. Ma possono sopravvivere a un colpo di pistola?

È quello che ha cercato di capire un’assurdo studio condotto dall’università di Kent (Regno Unito), alla ricerca di prove che possano avvalorare la cosiddetta panspermia – la teoria (senza alcun fondamento scientifico!) secondo cui l’universo sia popolato da ‘semi della vita’ che hanno popolato anche il nostro pianeta, entrando nella nostra atmosfera grazie ad asteroidi caduti sulla superficie terrestre.

(Leggi: Orsi d’acqua, le uniche creature in grado di sopravvivere a (quasi) tutte le catastrofi)

Per dare corpo e fondamento alla teoria panspermica, il gruppo di ricercatori ha voluto scoprire se i tardigradi fossero in grado di resistere anche a impatti ad alta velocità. Per fare questo, hanno messo gli animali in una sorta di ibernazione, in cui il loro metabolismo è diminuito dello 0,1%, e li hanno colpiti con dei micro-proiettili ‘sparati’ a velocità diverse – più veloci di un classico proiettile di pistola.

Ecco i risultati: i tardigradi possono sopravvivere a impatti a una velocità di 900 metri al secondo (corrispondente a una pressione di 1,14 gigapascal). Purtroppo però, molti animaletti sono morti durante l’esperimento in impatti a velocità maggiori, e anche quelli che sono sopravvissuti a impatti a bassa/media velocità hanno avuto bisogno di tempi lunghi per ristabilirsi dopo l’urto – il che suggerisce la presenza di danni interni da cui dover guarire. Inoltre, non è chiaro se i tardigradi sopravvissuti siano poi in grado di riprodursi, e gli scienziati stanno osservando contestualmente anche se le uova di tardigrado siano in grado di sopravvivere dopo un colpo di pistola.

Avevamo davvero bisogno di torturare questi minuscoli animali solo per scoprire fino a che punto potesse resistere la loro proverbiale coriaceità? 

Fonte: Science

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Ho 25 anni e sono laureata in Lingue Straniere. Sono da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile. Tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.
Coripet

Meno plastica con le bottiglie realizzate in PET riciclato, Bottle to Bottle di Coripet premia te e l’ambiente

Instagram

Seguici anche su Instagram, greenMe sempre a portata di mano

Incendi Sardegna 2021

Le immagini, le storie e i numeri degli incendi che stanno devastando l’isola mettono i brividi

Telepass

Telepass: quante emissioni fa risparmiare non fare la fila al casello?

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook