@Animal equality

Svolta storica in Francia: stop alla mattanza dei pulcini maschi e alla castrazione dei suinetti

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Vittoria! Dopo la Germania, la Francia sarà il secondo Paese al mondo a dire stop alla strage dei pulcini maschi negli allevamenti. Il Paese vieterà anche la castrazione dei suinetti

Ogni anno in Francia vengono sterminati circa 50 milioni di pulcini maschi. Il motivo si intuisce facilmente: al contrario degli esemplari di sesso femminile, non sono utili alla produzione delle uova. Così, vengono uccisi con il gas o triturati vivi. Una pratica brutale, purtroppo diffusa in tutto il mondo, che finalmente sarà presto abolita. A partire dal 2022, infatti, sarà vietato uccidere i pulcini maschi. Si tratta del secondo Paese a livello mondiale a introdurre un divieto di questo tipo. A fare da apripista la Germania, dove la legge entrerà in vigore il prossimo anno. 

Ad annunciare lo stop della strage dei pulcini maschi su territorio francese il ministro dell’agricoltura Julien Denormandie, che ha comunicato un’altra importante novità. Sempre dal 20202 in Francia sarà illegale anche la castrazione dei suinetti vivi. 

Il 2022 sarà l’anno della fine della triturazione e della gassificazione dei pulcini maschi. – ha dichiarato il ministro in un tweet – Si tratta di un importante passo avanti atteso da tempo e che stiamo ora implementando.

Dal prossimo anno, gli allevatori francesi dovranno dotarsi di macchine per rilevare il sesso dei pulcini prima che si schiudano le uova.

“Il processo è a buon punto e, visti gli ordini già effettuati, le macchine saranno installate per i due terzi della produzione in Francia entro la fine del primo trimestre del 2022” ha chiarito Julien Denormandie.

Come spiegato dal ministro francese, la nuova misura dovrebbe portare ad un costo aggiuntivo di circa un centesimo di euro per ogni confezione da sei uova. Per sostenere gli allevatori nell’acquisto dei macchinari la Francia ha previsto per i sussidi per un totale di 10 milioni di euro. 

E in Italia?

Nel nostro Paese la pratica dell’abbattimento dei pulcini maschi è la prassi negli allevamenti. Annualmente ne vengono sterminati circa 40 milioni. Recentemente l’associazione animalista Animal Equality ha lanciato la campagna “Fermiamo la strage dei pulcini maschi”, con un appello al Governo italiano per chiedere che anche le istituzioni appoggino pubblicamente e promuovano l’introduzione di tecnologie che evitino l’uccisione sistematica dei pulcini maschi.

Francia e Germania ci dimostrano che è possibile dire basta a questa crudeltà e nei prossimi giorni, nel corso del Consiglio dei ministri dell’Agricoltura, i due Paesi cercheranno di convincere gli altri membri dell’Unione europea a introdurre il divieto. Ci auguriamo che qualcosa si muova!

Seguici su TelegramInstagram  |Facebook |TikTok |Youtube

Fonti: Julien Denormandie (Twitter)/Le Parisien/Animal Equality

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Per la rivista Sicilia e Donna si è occupata principalmente di cultura e interviste. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe
Coripet

Meno plastica con le bottiglie realizzate in PET riciclato, Bottle to Bottle di Coripet premia te e l’ambiente

Telepass

Telepass: quante emissioni fa risparmiare non fare la fila al casello?

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook