Che ci fanno due struzzi australiani in giro per Venezia liberi tra la folla?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Poco importa (come qualcuno ipotizza) che siano trattati con amore e addestrati come cani, il video postato sulla pagina Venezia non è Disneyland in cui due uomini portano a spasso due emù, anche detti struzzi australiani, lascia abbastanza perplessi.

Primo perché l’emù, il secondo uccello più grande del mondo dopo lo struzzo, appartenente alla famiglia dei Dromaiidae, è originario dell’Australia e lì dovrebbe starci a correre e vivere in libertà, secondo perché questa insolita passeggiata non è piaciuta a residenti e turisti che hanno inondato i centralini delle forze dell’ordine di chiamate.

Il video è stato girato da un passante e mostra i due emù accompagnati da due uomini che sarebbero di nazionalità slovena, infatti, qualche utente sui social dice di aver già visto la stessa scena a Lubiana. Gli animali erano liberi, senza alcun sistema di controllo. Ricordiamo che per quanto la scena possa far sorridere o infondere tenerezza, gli emù così come gli struzzi, possono avere dei comportamenti istintivi quando vengono infastiditi.

I quattro erano saliti sul treno a San Donà, gli animali hanno viaggiato assieme agli altri passeggeri prima di arrivare poi a Santa Lucia, Lista di Spagna e quindi Strada Nuova. Una gita fuori porta che non è piaciuta alle forze dell’ordine che sono intervenuti per riportare la situazione alla normalità e gli uomini fermati.

In questa foto sono a Lubiana:

Sui social gli utenti si sono scatenati:

“Gli animali vanno rispettati, non vanno maltrattati e i primi a farlo sono i due personaggi che li portano a spasso per l’Europa e non penso per PIACERE ma forse per RICAVARNE BENEFICI, possibilmente economici, così a naso. Venezia come tutte le altre città non é un parco giochi né uno zoo. Inoltre animali del genere potrebbero essere anche portatori di malattie… quindi non c’è nulla di carino o di magico”, si legge nei commenti.

E ancora: “Trovo riprovevole l’atteggiamento di queste due persone. È una chiara dimostrazione di arroganza, di sicurezza di non essere puniti e di disprezzo del luogo. Non è accettabile”. Ma c’è anche chi chiosa: “Vabbè ma vi dà fastidio tutto però, sono pure belli da vedere. Fortuna che non vivo a Venezia, siete angoscianti”.

Foto

Leggi anche:

 

 

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook