Strage di storni: centinaia di uccelli trovati morti sull’asfalto in Catalogna

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un centinaio di storni morti tra le città di Salou e Tarragona in Catalogna. Una strage incredibile che aveva dato il via a un piccolo giallo e all’apertura di un’indagine. In un primo momento, infatti, tanti avevano pensato che le morti sospette fossero legate alla presenza di un impianto petrolchimico, in realtà come mostrano le telecamere e i risultati della biopsia su alcuni corpi, gli stormi sono stati investiti da un’automobile.

Stesi a terra inermi. La morte di dozzine di storni aveva molta creato preoccupazione. Per questo, alcuni campioni erano stati raccolti per essere analizzati: bisognava indagare su cosa avesse causato realmente questa strage avvenuta domenica scorsa sulla C-31B tra Salou e Tarragona, vicino all’Università del Lavoro di Tarragona. Proprio in zona c’è il cosiddetto poligono petrolchimico, ed è per questo che la prima ipotesi era stata quella di una morte per nuvola tossica. Ma come riporta El Pais, gli agenti rurali lo hanno escluso da subito e la Protezione civile spiegava di non avere notizia che vi erano state state perdite o incidenti chimici nella zona industriale.

Il punto in cui sono comparsi gli uccelli è vicino alla fabbrica della compagnia Iqoxe, che è esplosa il mese scorso, causando la morte di tre persone e il ferimento di altre sette. Esiste un’indagine giudiziaria, sull’incidente chimico ma le cause dell’esplosione rimangono non specificate. Tornando alla strage di storni, un’altra ipotesi fatta era stata che gli uccelli fossero stati travolti da un veicolo. Seppur questa teoria non avesse convinto Cristina Sánchez, delegata in Catalogna dell’entità SEO-Birdlife che sempre a El Pais spiegava:“Sebbene gli storni volino insieme e a bassa quota, il che renderebbe più semplice lo speronamento di un camion o di un autobus, non vedo animali in frantumi”, le cose sono andate esattamente così come mostrano questi due video pubblicati su Twitter da media locali.

In questo video il passaggio degli stormi:

In questo video, l’incidente:

L’incidente bruttissimo è costato la vita a circa un centinaio di stormi. Sulla morte ancora era stata fatta l’ipotesi di avvelenamento da pesticidi. Soprattutto perché a Badalona, a cento chilometri da Tarragona si era verificato un episodio simile: 200 piccioni  morti in diverse parti della città.

Ancora un’altra ipotesi, era stata riportata su El Periodico ed era quella che gli uccelli fossero stati fulminati .Nel 2002 c’era stato un episodio simile nello stesso posto e sempre con gli storni. Gli agenti rurali avevano confermato che  la torre ad alta tensione più vicina  agli eventi è esattamente la stessa che aveva provocato l’elettrocuzione degli storni in quell’occasione. Ma adesso il mistero è risolto.

Un episodio simile era avvenuto a Roma, dove la caduta di un albero per via del forte vento aveva provocato a sua volta la caduta sull’asfalto di centinaia di uccelli, molti dei quali sono morti. A causare i decessi, infatti, erano state le auto, che avevano investito gli animali storditi rimasti sulla carreggiata.

Fonti: El Pais, El Periodico

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook