@123rf/Philip Bird

Sterne abbandonano 2mila uova sulla spiaggia: un drone illegale le aveva spaventate

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Erano solite tornare sull’isola di Bolsa Chica per nidificare. Così avevano fatto anche questìanno, quando all’inizio di giugno, si erano rifugiate all’interno di questa preziosa zona umida. Avevano deposto le uova sorvegliandole in attesa che si schiudessero. Ma un drone le ha spaventate a tal punto da costringere gli uccelli ad abbandonare i loro piccoli.

Siamo nella Riserva ecologica di Huntington Beach, negli Usa dove 2.000 eleganti uova di sterna sono state recentemente abbandonate dopo che un drone, vietato nella zona, si è schiantato e ha spaventato gli uccelli. 

All’inizio di giugno di ogni anno, la più grande isola nidificante nelle zone umide di Bolsa Chica di Huntington Beach si trasforma in una distesa bianca con le eleganti sterne che supervisionano le loro uova. Quest’anno, il 13 maggio, due drone hanno condotto un volo sull’area, cosa assolutamente vietata. Uno però si è schiantato al suolo, forse per un guasto. Convinte che fosse l’attacco di un predatore, le sterne sono fuggite spaventate, abbandonando migliaia di uova, senza fare più ritorno.

Peter Knapp, che da oltre 20 anni monitora gli uccelli in via di estinzione e minacciati nella riserva, non aveva mai visto un abbandono così su larga scala, secondo la responsabile della riserva Melissa Loebel.

Nick Molsberry, direttore del Dipartimento statale del pesce e della fauna selvatica, ha spiegato che i droni sono diventati un problema continuo nelle zone umide – un problema che non si vede in altre terre statali nella Contea di Orange perché mancano di aree di nidificazione così visibili.

È assurdo. I proprietari dei droni sono attratti dalle colonie nidificanti di uccelli, e poi le loro azioni lo distruggono.

Ma si tratta di un’attività illegale che disturba l’avifauna. Con la pandemia che ha portato un numero sempre maggiore verso gli spazi esterni isolati, l’anno scorso la Riserva è stata visitata da circa 100.000 visitatori, quasi il doppio rispetto ai circa 60.000 dell’anno precedente. Ciò ha contribuito non solo all’aumento dell’attività dei droni, ma anche a un maggior numero di cani e biciclette sui sentieri, tutti illegali.

Il drone del 13 maggio che si è schiantato sull’isola di Tern non è stato rivendicato, anche se Molsberry ha detto che ha intenzione di esaminare la scheda di memoria per cercare di determinare chi sia il proprietario.

Fonti di riferimento: OCR

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
eBay

Work out: i migliori attrezzi per allenare a casa tutti i muscoli

Speciale Creme Solari

Creme solari: come sceglierle e a cosa fare attenzione

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook