Tutta la verità sullo squalo elefante spiaggiato e affettato per essere mangiato

squalo-elefante-cover

Uno squalo elefante è stato avvistato su una spiaggia tunisina, alcune immagini sui social mostrano la popolazione locale che affetta l’animale (già morto) al fine di mangiarlo. Ma come stanno realmente le cose? Lo squalo è davvero finito in padella?

A denunciare l’accaduto è l’associazione tunisina Houtiyat che sui social parla dello spiaggiamento di uno squalo elefante di 5,80 metri del peso di una tonnellata sulla spiaggia di Cap Négro.

Lo squalo elefante detto anche cetorino o squalo pellegrino, era finito sul litorale, ma le cause non sono mai state accertate perché la popolazione ha tagliato a fette l’animale deceduto. Non è stata dunque fatta un’autopsia e non sappiamo se lo sfortunato squalo elefante, specie protetta nel Mediterraneo, sia morto per colpa della plastica, perché ferito da qualche imbarcazione o per cause naturali.

Alcuni siti di informazione hanno ripreso la notizia dicendo che lo squalo è stato affettato per essere poi mangiato. Le immagini effettivamente mostrano i tranci, ma come spiega l’associazione tunisina l’animale è stato affettato ma non per essere consumato. A testimoniarlo sarebbero proprio gli attivisti presenti sulla spiaggia di Nafza.

Perché è stato dunque tagliato? Secondo i locali perché questo macabro modo sarebbe stato l’unico per spostare un animale di una tonnellata di peso dalla spiaggia.

Leggi anche:

Il salvataggio da brividi dello squalo bianco spiaggiato (VIDEO)

Dominella Trunfio

Hipp

Cosa si nasconde davvero dietro ai prodotti biologici: viaggio nella biofattoria di Hipp

Triumph

Together we recycle: Triumph ricicla i capi usati in nome dell’ambiente

Orticolario 2019

Torna la mostra dedicata a chi vive la natura come stile di vita

Salugea

Come depurare il fegato con gli estratti vegetali

dobbiaco

tuvali
seguici su Facebook