Mai più sperimentazioni per i 50 scimpanzé dei laboratori NIH, negli Usa

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Mai più sperimentazioni con gli scimpanzé: in una lettera aperta pubblicata online, la NIH (National Institutes of Health, ovvero l’agenzia del Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani degli Stati Uniti) dichiara che non sarà più sostenuta la ricerca biomedica sugli scimpanzé.

L’NIH aveva già mandato “in pensione” nel 2013 circa 310 primati, ma negli stabulari ce n’erano ancora 50 cui ricorrere in casi di emergenza. Ma oggi, a due anni dalla dichiarazione della NIH di non voler più utilizzare questi animali nella ricerca, anche quei 50 scimpanzé ancora a disposizione della sperimentazione torneranno nel loro habitat al Chimp Haven, in Louisiana.

È chiaro che abbiamo raggiunto un punto di svoltadice Francis S. Collins, direttore della NIH. “In conformità con l’impegno della NIH nel giugno 2013, ho rivalutato la necessità di mantenere gli scimpanzé per la ricerca biomedica e ho deciso con effetto immediato che NIH non manterrà più una colonia di 50 scimpanzé per la ricerca futura.

Esultano, ovvio, gli attivisti per i diritti degli animali: “La sperimentazione sugli scimpanzé è eticamente, scientificamente e giuridicamente insostenibile e siamo sollevati e felici che i Nih abbiano mantenuto la sua promessa di porre fine alla ricerca sugli scimpanzé”, dice Justin Goodman, direttore dell’Organizzazione per il trattamento etico degli animali (Peta).

Mentre, Frankie Trull, presidente della Fondazione per la Ricerca Biomedica, ha da ridire: “sorprendente la decisione dei Nih, considerando che la missione primaria di questa istituzione è tutelare la salute pubblica”.

Resta il fatto che questa è una piccola vittoria sul fronte della vivisezione, ma – ahimé – la lotta all’abolizione della vivisezione e di tutte le sperimentazione sugli animali è tutt’altro che terminata.

Pensate solo che, al termine del suo intervento la NIH scrive così: “These decisions are specific to chimpanzees. Research with other non-human primates will continue to be valued, supported, and conducted by the NIH”. Ossia, ci tiene a precisare che questa piccola ma importante decisione è specifica per gli scimpanzé e che “la ricerca con altri primati non umani continuerà ad essere apprezzata, sostenuta e condotta dalla NIH”.

Come a dire, vi do solo un contentino…

Germana Carillo

Photo Credit

LEGGI anche:

Mamma scimpanzé cura la sua cucciola affetta da disabilità mentale: le tenere immagini

L’abbraccio dello scimpanzé che ritrova la libertà (video)

Mini-cervelli a basso costo per ridurre la sperimentazione animale

Stop vivisection: tutta la verità sulla sperimentazione animale in Europa (video)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook