Come arsenico, mercurio e altre sostanze tossiche prodotte dall’uomo stanno avvelenando delfini e balene

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Arsenico, mercurio e altre sostanze chimiche tossiche sono state trovate nel corpo di balene e delfini. L’allarme viene da un nuovo studio americano dopo che, i ricercatori attraverso la spettometria di massa, hanno notato concentrazioni di contaminati e reperti istopatologici provenienti dalla combustione di combustibili fossili e dall’estrazione mineraria.

I delfini e balene arenati lungo la costa sud-orientale degli Stati Uniti sono intossicati da sostanze tossiche. Nello specifico, come si legge nello studio, i delfini tursiopi avevano concentrazioni medie significativamente più elevate di piombo, manganese, mercurio, selenio, tallio e zinco e concentrazioni medie inferiori di NPE, arsenico, cadmio, cobalto e ferro rispetto ai campioni di capodogli.

Nei delfini tursiopi di sesso femminile, le concentrazioni medie di arsenico erano significativamente più alte e le concentrazioni di ferro erano significativamente più basse rispetto ai maschi adulti.

“Queste sostanze chimiche tossiche arrivano nell’ecosistema dalla combustione di combustibili fossili e dall’estrazione mineraria”, ha affermato Alistair Dove, vicepresidente della ricerca e conservazione al Georgia Aquarium di Atlanta.

Sostanze tossiche che finiscono nella catena alimentare e che dall’ecosistema marino arrivano anche sulle nostre tavole.  “Si inizia dai piccoli organismi per poi avere concentrazioni sempre maggiori”, ha spiegato Annie Page-Karjian, autrice dello studio, veterinaria clinica e professore di ricerca nella Florida Atlantic University di Boca Raton.

Quando i delfini e le balene mangiano pesce con concentrazioni di sostanze chimiche, gli elementi tossici entrano nei loro corpi. I delfini si nutrono di una grande varietà di pesci, gamberi, meduse e polpi e, sulla costa orientale degli Stati Uniti, anche aringhe, sgombri. Alcuni degli stessi pesci sono anche comunemente consumati dagli esseri umani.

“Se gli umani mangiano pesci che contengono troppo arsenico e mercurio, questi metalli possono avvelenare il fegato e altri organi o causare danni neurologici al cervello e al sistema nervoso”, si legge ancora nello studio.

I ricercatori hanno utilizzato campioni di fegato e grasso di 11 diverse specie animali per testare dozzine di sostanze diverse tra il 2012 e il 2018. Gli animali erano tutti esemplari morti spiaggiati sulle coste della Carolina del Nord e della Florida.

I tossici antropogenici vengono rilasciati negli ecosistemi marini attraverso fonti diverse. La quantità di rifiuti rilasciati nell’ambiente è cresciuta, in particolare, le materie plastiche si trasformano in detriti marini, lenti a biodegradarsi e finiscono per soffocare pesci, tartarughe e distruggere l’ecosistema marino.

“Gli esseri umani possono contribuire a salvare l’oceano dalla quantità di sostanze tossiche nell’ambiente marino. Parte di ciò include la riduzione del deflusso inquinato e delle sostanze chimiche nei corsi d’acqua da combustibili fossili, nonché la riduzione dell’uso di materie plastiche monouso”, ha detto Page-Karjian.

Nel mondo ci saranno 710 milioni di tonnellate di inquinamento da plastica entro il 2040, nonostante gli sforzi per ridurre i rifiuti, afferma lo studio. Molti oggetti di plastica contengono pericolosi ftalati.

“Se riduciamo l’uso di combustibili fossili, possiamo rallentare ii cambiamenti climatici e immettere meno inquinanti nell’oceano. Questo vale per il mercurio, che molto spesso proviene da centrali elettriche a carbone e persino materie plastiche, che alla fine sono prodotte dal gas naturale”.

Fonte: Frontiers/ CNN

Leggi anche:

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Deceuninck

L’importanza della luce naturale in casa e come ottenere giochi di luce con qualche accortezza

TuVali.it

150+ corsi online su Salute e Benessere, a partire da 5€ (in collaborazione con GreenMe)

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook