Metasepia pfefferi: l’adorabile ‘ippopotamo’ dei mari (VIDEO)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Di animali carini e dolci in giro per il globo ce ne sono una infinità. Ma la natura, e lo sapete tutt*, non smette mai di stupirci e ogni giorno siamo pronti a meravigliarci. Sapevate voi che sul fondo degli oceani alberga un delizioso esserino squamoso? Si tratta della Metasepia pfefferi, o altrimenti detta “seppia galleggiante”.

Questo abitante multicolore dei mari pare avere occhioni languidi e accattivanti e trascorre la maggior parte del suo tempo a camminare sul fondo – tanto da assomigliare a un ippopotamo marino – a causa del suo più piccolo osso di seppia rispetto ad altre specie di seppie.

LEGGI anche: SCOIATTOLO VOLANTE SIBERIANO: L’ANIMALE PIÙ CARINO DEL MONDO (VIDEO E FOTO)

Questa specie – che tra l’altro è in via di estinzione – si trova per lo più in Australia ed è caratterizzata dai colori sgargianti in continua evoluzione sul suo manto, di cui sono responsabili particolari cellule dette “cromatofori”.

E infatti, il colore e la consistenza del suo corpo in continuo cambiamento la fa apparire come un luce galleggiante, come se arrivasse direttamente da una parata di Disneyland. Poi, un attimo dopo, può cambiare radicalmente colore e fondersi sullo sfondo come una roccia.

seppia fiammeggiante1
seppia fiammeggiante2
seppia fiammeggiante3

Il film-maker e biologo Shane Siers ha ripreso (VIDEO sotto) la seppia fiammeggiante in una danza ipnotica sul fondo dell’oceano, a Puerto Galera, nelle Filippine: “Di solito queste seppie non sono più lunghe di più di otto centimetrispiega Siers – ma la piccola statura è controbilanciata dal comportamento bizzarro e dalla colorazione appariscente. Per muoversi ‘nuotano’ in modo curioso sul fondo marino, spostando la parte posteriore del mantello avanti e indietro e agitando i tentacoli dai colori vivaci“.

LEGGI anche: ‘OPISTHOTEUTHIS ADORABILIS’: LA NUOVA SPECIE DI POLPO PIÙ ADORABILE DEL MONDO (VIDEO)

Perché “fiammeggiante”? Bhe, sappiate che il nome è un avvertimento: seppur colorata ed attraente, la Metasepia pfefferi contiene un veleno che è considerato letale al pari di quello del polpo dagli anelli blu.

Germana Carillo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook