Scoperta una nuova specie di balena al largo delle coste del Messico

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Non credevano ai loro occhi quando si sono accorti della sua presenza, nelle acque messicane. I ricercatori che lavorano con la Sea Shepherd Conservation Society pensano di aver scoperto una specie di balena precedentemente sconosciuta al largo della costa occidentale del Messico.

La mattina del 17 novembre, gli scienziati a bordo della nave di Sea Shepherd Martin Sheen hanno osservato tre balene dal becco, una famiglia di cetacei odontoceti a cui appartengono più di venti specie. In realtà, si tratta di una delle famiglie di grandi mammiferi meno note.

Un avvistamento eccezionale, avvenuto 100 miglia a nord delle isole messicane di San Benito, un gruppo di tre isole remote situate a circa 300 miglia dal confine statunitense.

La spedizione è stata guidata da rinomati ricercatori, tra cui Gustavo Cárdenas Hinojosa del Marine Mammal Research Group del CONANP, Jay Barlow ed Elizabeth Henderson, leader del programma di ricognizione acustica delle balene del NIWC PAC.

balena dal becco

©SeaShepherd

Durante la navigazione, gli scienziati e l’equipaggio di Sea Shepherd hanno scattato fotografie e filmato gli animali utilizzando anche un microfono subacqueo specializzato per registrare i segnali acustici emessi dalle balene. Erano diversi rispetto a qualsiasi cosa mai ascoltata. Anche le immagini non sembravano lasciare dubbi ma sarà il campionamento genetico ambientale, eseguito al momento dell’avvistamento, e ora in fase di analisi a provare definitivamente l’esistenza di questa nuova specie.

“Abbiamo visto qualcosa di nuovo. Qualcosa che non ci si aspettava in quest’area, qualcosa che non corrisponde, né visivamente né acusticamente, a qualcosa di noto “, ha detto il dottor Jay Barlow. “Provo brividi su e giù per la schiena quando penso che avremmo potuto realizzare ciò che la maggior parte delle persone avrebbe considerato davvero impossibile: trovare un grande mammifero che esiste su questa terra che è totalmente sconosciuto alla scienza.”

Le balene dal becco, come tutti i cetacei, emettono segnali acustici distinti di ecolocalizzazione sott’acqua. Questi suoni sono unici per ogni specie e possono identificare in modo affidabile i tipi di balene dal becco presenti nell’area.

Non è la prima volta che accade in tempi recenti. Nel 2018, gli scienziati hanno registrato un segnale acustico sconosciuto nelle acque a nord delle isole San Benito. Il segnale, noto come BW43, era stato precedentemente rilevato al largo della costa della California e gli scienziati ritengono che potrebbe essere il suono della balena dal becco di Perrin.

Quest’ultima è una delle 23 specie conosciute di balene dal becco che si trovano negli oceani di tutto il mondo. Non esistono avvistamenti dal vivo confermati. Anche la dimensione della popolazione e l’area geografica sono sconosciute.

balena dal becco

©Simon Ager -Sea Shepherd

Secondo gli scienziati, l’animale documentato in questa spedizione è una balena dal becco, ma non è quella di Perrin né appartiene ad altre specie conosciute. Il segnale acustico non era mai stato ascoltato.

Fonti di riferimento: Sea Shepherd

LEGGI anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
ECS

Ripartire in green: come alberghi e strutture ricettive possono rilanciarsi investendo sul turismo verde

ABenergie

Come scegliere e valutare il tuo gestore di energia luce e gas. Scarica la guida

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook