La terribile verità degli esperimenti sulle scimmie: buchi nel cranio e dispositivi cementati in testa

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Indifese e succubi con elettrodi piantati nel cervello e fori nel cranio. Sono immagini scioccanti quelle che vengono da un laboratorio in Belgio, dove le scimmie sono cavie per esperimenti cerebrali.La denuncia viene da Animal Rights, l’organizzazione che lancia una nuova petizione per salvare le scimmie dal KU Leuven.

**ATTENZIONE CONTENUTI E IMMAGINI CHE POTREBBERO URTARE LA VOSTRA SENSIBILITÀ**

Nel 2019, il governo fiammingo ha stanziato quasi due milioni di euro al KU Leuven per finanziare esperimenti cerebrali sulle scimmie. Animal Rights lancia l’allarme e chiede di porre fine ai sussidi per la sperimentazione animale e di investire fondi pubblici per ricerche alternative che non siano frutto di maltrattamenti.

“Il denaro dei contribuenti viene sprecato in crudeli esperimenti sugli animali che la maggioranza della popolazione vorrebbe vedere banditi”, spiega l’animalista Jen Hochmuth.

Sotto copertura, l’organizzazione è riuscita a filmare il destino di queste povere scimmie. Sono dodici in tutto e da tempo sono cavie che vivono in gabbie e vengono sottoposte a esperimenti sul cervello. Una volta che non serviranno più, saranno uccisi.

scimmie laboratorio

@Animal Rights

In un sondaggio di opinione il 79% dei cittadini belgi vorrebbe che gli esperimenti sulle scimmie fossero vietati e il 64% vorrebbe dire stop per tutti gli animali.
“Animal Rights ha scoperto che un milione di euro è stato approvato tramite FWO nel 2017 per controversi esperimenti sulle scimmie. Le università grazie a questi esperimenti hanno piena libertà di decidere autonomamente sui loro progetti”, continua Hochmuth.

Al KU Leuven, i ricercatori dicono che “non è eticamente giustificabile piantare elettrodi negli umani, mentre nelle scimmie, questo è giustificabile”.

scimmie laboratorio

@Animal Rights

scimmie laboratorio

@Animal Rights

Peccato però, che questi esperimenti sul cervello causano molta sofferenza alle scimmie. Gli elettrodi vengono impiantati nel cervello tramite fori nei loro crani e vengono cementati dei dispositivi di ferro. Gli animali devono sottoporsi a programmi di addestramento pesanti per mesi, a diete a base di acqua per costringerli a collaborare con i ricercatori. Una situazione che va avanti da più di 30 anni e che gli attivisti contestano da anni. Secondo Hochmuth, questi esperimenti non sono solo moralmente inaccettabili, ma anche completamente inutili da un punto di vista scientifico: “Questi esperimenti sugli animali non sono legalmente richiesti per lo sviluppo di nuovi medicinali. Sono esperimenti inutili e crudeli che servono solo a soddisfare la curiosità degli scienziati privi di compassione”, sottolinea.

Secondo Animal Rights, questa è anche una violazione della direttiva europea sulla protezione degli animali utilizzati a fini scientifici. L’articolo 12 spiega che la sperimentazione animale può essere presa in considerazione solo se non è disponibile un’alternativa. Gli scienziati hanno già effettuato numerose misurazioni sugli esseri umani che, a differenza delle cavie, possono dare il loro consenso.

scimmie laboratorio

@Animal Rights

L’organizzazione chiede il rilascio in rifugi specializzati di tutte le scimmie rinchiuse nel KU Leuven. In totale sono più di 40. Gli animali vengono utilizzati per 7-10 anni. Alcune scimmie subiscono diversi interventi chirurgici al cervello. Poniamo fine a questo orrore:

Fonte: Animal Right

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook