Cuccioli di scimmia strappati alle mamme per essere usati come cavie nei laboratori

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Strappati alle loro mamme e rinchiusi in piccole gabbie per poi essere sottoposti ad anni di sperimentazioni, ideate per provocare, peggiorare e misurare ansia, paura, aggressività, depressione e malattie psicologiche. È quello che succede in tante strutture dove i cuccioli di scimmia sono detenuti come cavie.

Nonostante ci siano delle leggi europee contro la sperimentazione animale, cuccioli di scimmie continuano ad essere catturati e strappati ai loro genitori. È quanto denuncia la campagna Animal Defenders International (ADI) che chiede ai governi europei di interrompere questa pratica che si conclude inevitabilmente con la morte degli animali.

Secondo l’ ADI , lo scorso anno sono stati utilizzati 246 cuccioli di scimmie catturati in natura nei laboratori britannici. In natura questi cuccioli sono identificati come primati F1, mentre i loro genitori sono F0.
Secondo il diritto dell’UE, l’uso dei primati F1 sarà gradualmente eliminato e proibito entro novembre 2022. Tuttavia, con l’incertezza della Brexit, ci sono serie preoccupazioni che il Regno Unito potrebbe eludere queste regole.

scimmie lab

Non è la prima volta che parliamo di animali tenuti in gabbia, resi ciechi o imbottiti di farmaci per la sperimentazione.

“Ma queste cose non succedono solo in Gran Bretagna, che rimane comunque un paese utilizzatore di primati, che consente ai ricercatori di usare scimmie tolte alla natura e usate come macchine da riproduzione”, dice Jan Creamer, capo dell’ADI.

Secondo Creamer addirittura il Regno Unito incoraggerebbe i rivenditori in Vietnam e Mauritius a rifornire i loro laboratori intrappolando le scimmie selvatiche.

Un video girato in una struttura dei Paesi Bassi:

Dal 2014 al 2016, nei laboratori britannici non sono stati utilizzati primati di F1 e ne è stato utilizzato solo uno nel 2017. Ora, tuttavia, si è registrato un allarmante aumento nell’uso dei primati nei laboratori britannici. Secondo ADI, il Regno Unito è uno dei maggiori utilizzatori di primati in Europa, con oltre 2.600 macachi a coda lunga importati in Gran Bretagna lo scorso anno.

Mentre negli Stati Uniti, nel 2017 sono stati utilizzati oltre 75mila primati nei laboratori, con un aumento del sei percento rispetto al 2016. La maggior parte degli animali importati erano macachi a coda lunga, una delle specie più comuni utilizzate per la sperimentazione animale.

La maggior parte di questi sfortunati animali viene utilizzata per la sperimentazione sulla sicurezza dei prodotti: così le scimmie ricevono alimentazione forzata, farmaci, prodotti chimici che possono avere effetti collaterali letali.

Leggi anche:

Dominella Trunfio

Foto:ADI

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook