Gli scarafaggi stanno diventando invincibili: resistono agli insetticidi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Gli scarafaggi stanno diventando resistenti agli insetticidi che abbiamo a disposizione, rendendo quasi impossibile il controllo di questi parassiti con le sole sostanze chimiche. È necessario trovare altri metodi per debellare blatte e scarafaggi, insetti responsabili della diffusione di batteri e allergeni.

La resistenza degli scarafaggi agli insetticidi

Blatte e scarafaggi sono parassiti che vivono negli ambienti umani e che rappresentano una minaccia per la nostra salute poiché vettori di patogeni antibiotico-resistenti, oltre che di allergeni responsabili di asma e altre manifestazione di ipersensibilità.

La presenza di scarafaggi contribuisce dunque alla creazione di ambienti decisamente poco salubri. Da qui la necessità di eliminare questi insetti dalle nostre case e soprattutto da ristoranti e altri luoghi destinati alla conservazione, alla vendita o alla lavorazione di alimenti.

Contenere la presenza di scarafaggi può essere difficoltoso, perché questi insetti si riproducono molto velocemente: pensate che una femmina può generare fino a 300 altri esemplari durante la sua breve vita.

Ad aggravare la situazione, i risultati di un recente studio pubblicato sulla rivista Scientific Reports: secondo la ricerca le blatte stanno diventando resistenti agli insetticidi a nostra disposizione.

I ricercatori della Purdue University, negli Stati Uniti, sono giunti a questa conclusione dopo aver testato tre diversi prodotti sugli insetti: abamectina, acido borico e thiamethoxam.

Le sostanze sono state somministrate a tre popolazioni diverse di blatte (Blattella germanica) per cicli di tre mesi, usando varie combinazioni e cocktail di insetticidi. I test non hanno mostrato alcuna diminuzione di esemplari nel tempo.

Gli scienziati non hanno ancora chiaro il meccanismo con cui gli scarafaggi riescano a farlo, ma è evidente che le blatte stiano sviluppando molto rapidamente una resistenza agli insetticidi.

Gli insetti hanno dimostrato di riuscire a sopravvivere sia alle sostanze che mirano all’esoscheletro sia a quelle che attaccano il sistema nervoso. La resistenza agli insetticidi, unita alla velocità di riproduzione delle blatte, ci costringe a trovare soluzioni alternative.

Infatti, come sottolinea Michael Scharf che ha guidato lo studio:

“Gli scarafaggi che sviluppano la resistenza a più classi di insetticidi in una sola volta rendono il controllo di questi parassiti quasi impossibile solo con le sostanze chimiche. ”
Un’idea potrebbe essere quella di diversificare i metodi di trattamento dei parassiti, includendo l’uso di sistemi fisici come trappole e macchine aspiranti.

Leggi anche:

Tatiana Maselli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook