Prendono a sassate le uova di mamma cigno sul Lago di Garda, uccisi tutti i pulcini

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

A Brenzone, località del Lago di Garda, persone ancora ignote si sono divertite a prendere a sassate delle uova di cigno con il risultato di uccidere tutti i pulcini.

Brenzone è una piccola comunità di circa 2500 persone, tra loro probabilmente si nasconde qualcuno che si è macchiato senza motivo (se non un macabro divertimento), di un terribile reato: prendere a sassate le uova di mamma cigno.

Non un evento isolato, tra l’altro, le uova sembrano essere state prese di mira per più giorni in modo da romperle tutte con la conseguenza di non veder nascere alcun nuovo piccolo cigno.

A scoprire e denunciare l’accaduto è stata Lorena Pinamonte, ex presidente della Pro Loco di Brenzone che sui social ha scritto:

“Oggi sarebbe stato il 42esimo giorno di cova. È accaduto che nei giorni scorsi, una persona non identificata, giorno dopo giorno, abbia preso a sassate la cigna e le uova, che di volta in volta sono state tutte rotte, arrivando alla macabra fine”.

Di chi è la colpa?

Così denuncia la Pinamonte:

“la colpa non è da imputare alla ruspetta che ieri sistemava la spiaggia (l’ultimo uovo era già rotto prima del suo arrivo), non è da imputare al Sindaco (40 giorni fa circa gli chiesi di far portare delle transenne, ritenute da lui inutili dato il lockdown per il Coronavirus che impediva di uscire e x dirla tutta ora alla luce dei fatti anche se le avesse fatte portare, le transenne, non avrebbero di sicuro impedito le mal intenzioni di qualche mentecatto) non è da imputare ad una presunta volpe perché più di 3 persone hanno visto una persona non identificata gironzolare attorno al nido con i sassi dentro i pugni chiusi dietro la schiena ed una lo ha pure visto compiere il gesto”.

uova-cigno1

© Lorena Pinamonte

Purtroppo, non ci sono video o immagini che possano aver ripreso il colpevole, e con i soli ricordi delle persone che l’hanno notato non è certo che si arriverà ad individuare la sua identità. Per il momento è stata fatta una denuncia contro ignoti.

Lì dove i piccoli di cigno non nasceranno mai è stato messo un foglio con tre citazioni e una scritta:

“Perdonateci per quello che è qui accaduto. Se c’è una razza animale che merita l’estinzione siamo noi umani”.

uova-cigno-4

© Lorena Pinamonte

Difficile dargli torto!

Fonte di riferimento: Garda Post / Il Dolomiti 

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

NaturaleBio

Cacao biologico naturale, in granella o in polvere: benefici e ricette per portarlo in tavola con gusto

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Schär

Celiachia o sensibilità al glutine? Come ottenere una corretta diagnosi

Cristalfarma

Come gestire nel proprio piccolo disturbi d’ansia e stress di uno dei momenti storici più difficili

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook