Santorini, verso il divieto di sfruttamento degli asinelli usati come taxi?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Mettetevi nei loro zoccoli, in quelli dei poveri asinelli costretti a salire 520 gradini ripidi portando un peso enorme, quello dei turisti che non vogliono farsi a piedi il sentiero che, nell’isola greca di Santorini, va dal porto fino alla cittadina di Fira.

Una pratica che esiste da molti anni anche in altre città, ma che mette a dura prova gli asinelli. Così adesso il sindaco  ha lanciato una campagna per incentivare i turisti a camminare a piedi o a prendere la funivia.

Da tempo, gli animalisti si ribellano e a quanto pare le proteste contro l’uso di questi bellissimi asini e muli trasformati in taxi a quattro zampe, stanno finalmente dando dei frutti. L’amministrazione ha già vietato ai turisti in sovrappeso di salirci sopra, stabilendo che l’asino non può trasportare più di un quintale di peso.

Quindi se sul lato, dei cosiddetti turisti in carne, ci sono delle disposizioni, su quello del divieto in generale no: non c’è, infatti, nessuna messa al bando ufficiale, ma solo una campagna di sensibilizzazione, che lascia al turista la scelta se salire o meno su asini e muli.

santorini asini1

La campagna si chiama Our In Their Hooves ed è stata lanciata per prima da The Donkey Sanctuary.

“Suggeriamo ai turisti di considerare se gli asini vengono trattati umanamente, hanno abbastanza ombra e acqua, e se sono adatti a portare quel carico. In caso contrario, altre opzioni, come camminare o prendere una funivia, potrebbero essere una modalità di trasporto più responsabile”, dice Catherine Rice, responsabile delle pubbliche relazioni del santuario. 

Cosa succederà a Santorini, dunque, è ancora tutto da scoprire.

Taxi a quattro zampe? No grazie

Ma se, avete in mente di fare una vacanza a Santorini e avete il dubbio se salire o meno su un asino, ecco tutto ciò che c’è da sapere.

Ogni giorno, un asino è costretto a salire 520 gradini fino a quattro, cinque volte, a 30 gradi e senza ombra. Il sentiero è molto ripido e per questo gli animali soffrono di stanchezza, piaghe da sella e problemi spinali.
In rete circolano dei video strazianti in cui gli asini vengono frustati perché non vogliono camminare.

santorini asini2

Guarda il video:

La scorsa estate è stata lanciata una petizione firmata da oltre 100mila personeper chiedere di non usare più gli asini come taxi, soprattutto perché se proprio non ve la volete fare a piedi (il che non farebbe male alla salute), esiste una comoda funivia a cinque cabine che vi permette di godervi la vacanza e di non essere complici del maltrattamento degli animali.

Ci uniamo, quindi, a questa campagna di sensibilizzazione sperando che il buon senso prevalga e ci si affidi a un turismo più responsabile.

 

Leggi anche:

Dominella Trunfio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook